FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Nyt, affondo contro la Merkel: "Deve andarsene, folle politica accoglienza"

Nellʼeditoriale "La Germania sullʼorlo del baratro" si paventa lʼipotesi che, a causa della cancelliera, il Paese possa essere sottomesso allʼIslam"Taharrush gamea", le molestie a Colonia - Caccia allʼuomo sui social

Nyt, affondo contro la Merkel: "Deve andarsene, folle politica accoglienza"

Il New York Times rivolge un duro attacco ad Angela Merkel, in particolare per la politica di accoglienza dei rifugiati della cancelliera tedesca. La Merkel, si legge nell'editoriale dal titolo "La Germania sull'orlo del baratro", "se ne deve andare così che il suo Paese e l'intero continente da lei guidato possano evitare di pagare un prezzo troppo alto per la sua follia di nobili principi e ideali".

Accoglienza senza limiti è follia - L'editoriale firmato da Ross Douthat, partendo da quanto accaduto a Colonia la notte di Capodanno, giudica "folle" la scelta della cancelliera di accogliere, senza porre limiti, l'afflusso di centinaia di migliaia di migranti.

La Germania sarà sottomessa all'Islam - Il Nyt fa quindi riferimento al romanzo di Michel Houellebecq "Sottomissione", in cui si immagina la sottomissione all'Islam della popolazione, e sostiene che questo scenario "ha buone probabilità di realizzarsi nel futuro della Germania".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali