FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Messico, El Chapo incastrato dal suo sogno di girare un film autobiografico

Allʼindomani dellʼarresto del narcotrafficante emergono nuovi dettagli: "Preso contatti con attori e produttori, così lo abbiamo individuato"

Messico, El Chapo incastrato dal suo sogno di girare un film autobiografico

La cattura del narcotrafficante messicano Joaquin Guzman, detto El Chapo, è stata resa possibile anche dalla volontà del boss di girare un film autobiografico. Lo rende noto la procuratrice generale del Messico, Arely Gomez: "Aveva preso contatti con attrici, attori e produttori e questo ci ha permesso di individuare in modo preciso dove si trovasse". El Chapo era evaso dal carcere l'11 luglio e a ottobre era sfuggito all'arresto.

La fuga attraverso un tubo di scarico - Dal 6 gennaio sono stati osservati movimenti insoliti, fino all'arrivo di un veicolo con a bordo Guzman prima dell'alba del giorno successivo. "In quel momento è scattata l'operazione per la cattura", spiega ancora la procuratrice federale, aggiungendo che il bilancio dello scontro a fuoco che ne è scaturito è stato di un soldato ferito e cinque aggressori morti. Sei gli arrestati, ma fra loro non c'era El Chapo, riuscito a fuggire attraverso un tubo di scarico. Insieme ad alcuni complici il leader dei narco ha aperto un tombino e ha continuato la fuga in auto, ma è stato infine bloccato sulla strada Los Mochis-Navojoa.

Successivamente il leader del cartello di Sinaloa era stato individuato a Pueblo Nuevo, nello Stato settentrionale di Durango. Nonostante fosse stato avvistato da un elicottero, El Chapo ma non era stato abbattuto perché era accompagnato da due donne e una bambina.

"Le istituzioni di sicurezza hanno intensificato le azioni di intelligence, il che ha permesso a fine dicembre di sapere che il malvivente aveva intenzione di trasferirsi nella zona urbana", spiega Arely Gomez. Pedinando i membri della cerchia più stretta del boss è stato possibile individuare una persona specializzata nello scavare tunnel, che stava realizzando impianti di aria condizionata in diversi edifici a Sinaola e Sonora. Così si è risaliti alla casa di Los Mochis, nell'area di Sinaola, e sono cominciati i controlli fissi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali