FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Commissione Ue: modificare Schengen Migranti, ipotesi guardie a frontiere

Il piano al vaglio di Consiglio e Parlamento europei prevede, in caso di confini vulnerabili, lʼintervento anche contro la volontà dei Paesi

Commissione Ue: modificare Schengen Migranti, ipotesi guardie a frontiere

Nel quadro della lotta al terrorismo la Commissione europea propone una modifica al codice Schengen per rendere obbligatori i controlli sistematici sui cittadini Ue in entrata e in uscita alle frontiere esterne. Sull'emergenza migranti, poi, si valuta la creazione di un'Agenzia di guardacoste e guardie di confine da creare sulle ceneri di Frontex. Il piano prevede, in caso di confini vulnerabili, l'intervento anche contro la volontà dei Paesi.

La modifica di Schengen è stata chiesta dal Consiglio dei ministri dell'Interno in seguito alla minaccia dei foreign fighters di ritorno dalla Siria. Il piano che prevede il dispiegamento di forze Ue alle frontiere è al vaglio di Consiglio e Parlamento europei.

Ue stima 1,5 mln ingressi illegali in 11 mesi - La Commissione Ue stima che siano 1,5 milioni i migranti che hanno attraversato illegalmente le frontiere esterne dell'Ue tra gennaio e novembre di quest'anno. Da luglio a settembre sono 413.800 le persone che hanno chiesto protezione negli Stati Ue, il doppio del secondo trimestre 2015.

Bruxelles propone documento Ue per i rimpatri - La Commissione Ue, inoltre, propone l'istituzione di un documento di viaggio europeo per il rimpatrio dei migranti illegali. Il nuovo documento avrà un formato europeo uniforme con caratteristiche tecniche e di sicurezza accresciute, e sarà valido per un solo viaggio. Ogni anno in Europa viene emesso quasi mezzo milione di ordini di espulsione, ma solo il 40% di queste decisioni è stato eseguito nel 2014. Uno dei principali ostacoli alle riammissioni è la mancanza di documenti validi per i rimpatriati.

Svezia, si valuta stop ricollocamenti per un anno - Si valuta poi se esonerare la Svezia per un anno dall'obbligo di ricollocare da Italia e Grecia, a causa della situazione eccezionale a cui si trova a far fronte, per il forte incremento delle richieste di asilo. In Svezia il numero di domande è aumentato del 60% su base annua, e le domande si sono raddoppiate tra agosto e settembre 2015, con un ulteriore incremento a ottobre 2015.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali