FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Cambiamenti climatici, sono i lombrichi i nuovi "alleati" per contrastarli

Secondo uno studio americano, nutrendosi di alcuni microrganismi, aiutano a ridurre il quantitativo di emissioni di CO2 causate dai processi di decomposizione

Cambiamenti climatici, sono i lombrichi i nuovi "alleati" per contrastarli

Le nuove "armi" contro i cambiamenti climatici si trovano... nel terreno. Un gruppo di ricercatori delle università di Yale e del Minnesota ha infatti svelato che i lombrichi sarebbero in grado di rallentare il processo di riscaldamento del pianeta. In che modo? Nutrendosi di alcuni microrganismi presenti nel suolo, questi insetti aiutano a ridurre il quantitativo di emissioni di CO2 causate dai processi di decomposizione.

Cambiamenti climatici, sono i lombrichi i nuovi "alleati" per contrastarli

La "minaccia" al clima arriva dal sottosuolo - I risultati dello studio sono stati pubblicati su Proceedings of the national academy of sciences. Secondo i ricercatori i microrganismi presenti nel terreno sono tra i maggiori responsabili della produzione di CO2 nell'atmosfera: le loro emissioni possono essere fino a nove volte superiori rispetto a quelle derivanti dalle attività umane. La capacità dei lombrichi di migliorare la qualità e la fertilità dei terreni agricoli, oltre a combattere l'impoverimento e l'erosione del suolo, sarebbe quindi anche un prezioso strumento per "frenare" gli effetti dei cambiamenti climatici.

I lombrichi, regolatori dell'ecosistema - Il sottosuolo è un enorme "campionario" di funghi, batteri e altri organismi che, senza la presenza di predatori come i lombrichi, arriverebbero anche a limitare fortemente il ciclo dell'azoto nel terreno e ad "amplificare" gli effetti del riscaldamento globale. Grazie alla loro alimentazione, però, i lombrichi controllano e frenano questa crescita fungina, regolando continuamente l'equilibrio biochimico del sottosuolo. Tuttavia "dotare" i terreni di colonie di questi insetti potrebbe comportare altre tipologie di rischi per l'agricoltura e la biodiversità. Per questo motivo il consiglio degli scienziati è quello di limitare in ogni caso il consumo di suolo e preferire l'agricoltura biologica.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali