FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Ferrovie, via a privatizzazione al 40% Delrio: "La rete resterà pubblica"

Il ministro: "Obiettivo dellʼoperazione è favorire lʼefficienza del servizio". La privatizzazione nel 2016 "compatibilmente con le condizioni di mercato". Il prossimo anno anche la quotazione di Enav

Ferrovie, via a privatizzazione al 40% Delrio: "La rete resterà pubblica"

Primo passo verso la privatizzazione, nel 2016, delle Ferrovie dello Stato. Lo annuncia il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, al termine del Cdm: "Viene avviata la procedura che tiene presente la complessità della gestione e la necessità di aumentare gli obblighi di servizio pubblico". Delrio sottolinea poi come "l'alienazione di Ferrovie non potrà andare oltre il 40% mentre l'infrastruttura ferroviaria rimarrà pubblica".

"La privatizzazione delle Ferrovie dello Stato - scrive quindi Palazzo Chigi in un comunicato ufficiale - è prevista nel corso del 2016, compatibilmente con le condizioni del mercato". E il governo annuncia pure che prevede "anche la quotazione di Enav per la prima metà del 2016".

"Il 40% potenzialmente alienabile andrà ad un azionariato diffuso e investitori istituzionali - spiega ancora il ministro -. Questo è l'avvio di una direzione per garantire maggiore efficienza, un avvio di percorso che riguarda essenzialmente i servizi a mercato". Nel processo sarà prevista la partecipazione dei dipendenti del gruppo che, dice Delrio, "produrrà anche quest'anno ottimi risultati".

"Privatizzazione sì, ma con molti paletti" - Si tratta, sottolinea Delrio, "semplicemente di un avvio del percorso di privatizzazione, con alcuni paletti". Tra questi, il fatto che la "proprietà della rete resti pubblica e l'indipendenza del gestore". Inoltre, precisa il ministro, "verranno garantiti gli obblighi di servizio pubblico e la piena maggioranza dell'azionariato dello Stato". Se la privatizzazione riguarderà "Trenitalia o una quota di Rfi scorporata, è un lavoro che sarà fatto nelle prossime settimane".

E aggiunge: "Abbiamo un Paese ancora con troppe distanze tra i servizi di alta velocità e i servizi dei passeggeri pendolari, i servizi regionali. La nostra azienda di stato deve essere impegnata soprattutto nei servizi pubblici. L'operazione va nella direzione di una maggiore efficienza".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali