FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Evasione, accordo tra Apple e il Fisco: la società verserà 318 milioni di euro

Il colosso di Cupertino era stato accusato di avere evaso, tra il 2008 e il 2013, 880 milioni di Ires fatturando in Irlanda le vendite su suolo italiano

Evasione, accordo tra Apple e il Fisco: la società verserà 318 milioni di euro

Apple verserà nelle casse dello Stato italiano 318 milioni di euro. E' quanto prevede l'accordo siglato tra il colosso di Cupertino e il Fisco. L'Agenzia delle Entrate aveva accusato la società di iPhone e iPad, di fatturare in Irlanda, dove vige un sistema fiscale più conveniente, anche le vendite avvenute nel nostro Paese. Tra il 2008 e il 2013 Apple avrebbe evaso 880 milioni di euro di Ires.

La notizia dell'accordo tra la Apple e l'Italia è stata diffusa dal quotidiano La Repubblica e successivamente confermata dalla Procura di Milano. La cifra che l'azienda fondata da Steve Jobs ha accordato di versare sarebbe esattamente quella richiesta dall'Agenzia delle Entrate.

Secondo fonti della Procura, si tratterebbe di un "risultato importante", in quanto sarebbe la prima volta nel mondo che, in casi analoghi, il colosso di Cupertino risolve un contenzioso fiscale in uno dei Paesi in cui opera versando un maxi-risarcimento all'Erario.

A marzo gli avvisi di garanzia - Nel mese di marzo la Procura di Milano aveva inviato tre avvisi di garanzia ad altrettanti manager proprio per omesso versamento dell'Ires. I coinvolti, ossia il legale rappresentante e amministratore delegato di Apple Italia Enzo Biagini, il direttore finanziario Mauro Cardaio e il manager della irlandese Apple Sales International, Michael Thomas O'Sullivan, rischiano comunque il processo nonostante l'accordo con il Fisco.L'accordo alleggerisce però le posizioni dei tre manager.

Uno schema seguito anche da Google - Secondo quanto è emerso dall'inchiesta, i profitti realizzati in Italia dalla multinazionale, secondo uno schema che sarebbe stato seguito da altri colossi dell'hi-tech e di internet come Google (anche in questo caso a Milano è aperta un'inchiesta), sarebbero stati contabilizzati dalla società che ha sede in Irlanda, Paese dove la pressione fiscale è più favorevole. Il fascicolo era stato aperto due anni fa e aveva portato anche a una perquisizione nella sede milanese della Apple e al sequestro di materiale informatico e telefonico.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali