FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Disoccupazione ai minimi da tre anni Istat: lʼ11,3% alla ricerca di un lavoro

La situazione migliora anche tra i giovani: senza un impiego il 38,1% dei 15-24enni, il minimo da giugno 2013. Nel giro di un anno il numero dei disoccupati è diminuito di mezzo milione

Disoccupazione ai minimi da tre anni Istat: l'11,3% alla ricerca di un lavoro

Disoccupazione ancora in calo, ai minimi da tre anni. Secondo le stime preliminari dell'Istat, il tasso, in diminuzione da luglio, è sceso ancora a novembre (-0,2%) arrivando all'11,3%. Si tratta del dato più basso dal 2012. In flessione anche la disoccupazione giovanile, che a novembre si attesta al 38,1% (-1,2% su ottobre): è il livello minimo da giugno 2013.

Mezzo milione di disoccupati in meno - Il calo della disoccupazione sembra dunque un fenomeno ormai consolidato, visto che il tasso torna ai livelli di tre anni fa. La stima dei disoccupati a novembre diminuisce dell'1,6% (-48mila); il calo riguarda uomini e donne e le persone con meno di 50 anni. Su base annua la disoccupazione segna un forte calo (-14,3%, pari a -479mila persone in cerca di lavoro).

Dopo la crescita di settembre (+0,5%) e ottobre (+0,3%), a novembre la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni rimane sostanzialmente stabile, sintesi di un calo delle donne e di una crescita degli uomini. Il tasso di inattività, pari al 36,3%, rimane invariato. Su base annua cresce anche l'inattività (+1%, pari a +138mila persone inattive).

Giovani, disoccupazione ai minimi - L'incidenza dei giovani disoccupati tra i 15 e i 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 9,8% (cioè poco meno di un giovane su 10 è disoccupato), cioè lo 0,4% in meno rispetto a novembre. Nell'ultimo mese il tasso di occupazione e quello di inattività tra i 15-24enni crescono entrambi di 0,2 punti. Su base mensile, i disoccupati under 25 sono diminuiti di 22mila unità, mentre gli occupati sono aumentati di 11mila.

Occupazione in risalita: 206mila in più in un anno - Dopo la crescita dell'occupazione registrata tra giugno e agosto (+0,5%) e il calo di settembre (-0,2%) e ottobre (-0,2%), a novembre 2015 la stima degli occupati torna ad aumentare dello 0,2% (+36mila). "Tale crescita - spiegano all'Istat - è determinata dalla componente femminile e dall'aumento dei dipendenti permanenti e degli indipendenti mentre calano i dipendenti a termine".

Il tasso di occupazione sale dello 0,1%, arrivando al 56,4%. Anche su base annua cresce l'occupazione (+0,9%, pari a +206mila persone).

Più dipendenti, meno a termine - Gli ultimi dati parlano anche di un aumento dei dipendenti permanenti e degli indipendenti, mentre diminuiscono i lavoratori a termine. A novembre i dipendenti a tempo indeterminato sono cresciuti di 40mila unità rispetto a ottobre (+0,3%) mentre quelli a termine sono diminuiti di 32mila (-1,3%). Gli indipendenti registrano nell'ultimo mese un aumento dello 0,5% (+28mila). Su base annua i dipendenti a tempo indeterminato sono cresciuti di 141mila unità (+106mila quelli a termine).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali