FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Banca Etruria, chiesti 500 milioni di danni agli ex vertici: "Errori madornali"

Accuse pesanti nellʼatto di citazione del Tribunale nei confronti dei dirigenti. Il liquidatore: "Hanno condotto lʼistituto letteralmente allo sfascio". Coinvolto anche Pier Luigi Boschi

Banca Etruria, chiesti 500 milioni di danni agli ex vertici: "Errori madornali"

Un risarcimento di circa mezzo miliardo di euro. E' la richiesta agli ex vertici di Banca Etruria da parte del liquidatore, che ha fatto i conti dei "danni causati dalla loro cattiva gestione". Le persone chiamate in causa sono 37 e tra queste c'è anche Pier Luigi Boschi, padre del sottosegretario Maria Elena. Quasi la metà di quei soldi sarebbero dovuti alla mancata fusione con la Popolare di Vicenza.

"Una banca portata allo sfacelo" - Un'operazione, quest'ultima, che non venne portata a termine nonostante ci fosse un'offerta d'acquisto sotto forma di Opa, giudicata vantaggiosa dal liquidatore, Giuseppe Santoni. Che accusa gli amministratori di aver condotto la banca "letteralmente allo sfacelo sotto il peso di errori madornali". La richiesta avanzata ha già ricevuto l'ok di Bankitalia e segue le multe per 2 milioni e 750mila euro già inflitte dalla Consob a circa 30 ex manager della banca per violazioni di diverse disposizioni del Testo unico di finanza.

Sono davvero pesanti le parole nell'atto di citazione del Tribunale civile di Roma, scritto per conto del commissario liquidatore. Si parla di "una incredibile storia di mala gestio ai danni della società, dei suoi creditori, dei risparmiatori e della credibilità del sistema bancario italiano", scrive la "Repubblica".

I danni - Nel dettaglio, ai 37 dirigenti si chiederebbero 464 milioni, al revisore Price Waterhouse Cooper spa altri 112, dal momento che la società, dice Santoni, "ha sempre espresso giudizi positivi, senza mai formulare rilievi".

L'accusa parla della "dissennata erogazione di crediti senza garanzie nell'intento di agevolare soggetti legati agli ex esponenti aziendali". Sono soldi usciti dalle casse della banca e mai rientrati del tutto. Il liquidatore ritiene che soltanto questo fronte valga 112 milioni di euro. In questo filone rientrerebbe un maxiprestito alla Sacci spa, il cui amministratore delegato era Augusto Sacci, anche consigliere di Etruria: per questa operazione si richiedono 38,9 milioni. E poi ci sono i crediti concessi alle aziende clienti dello studio professionale del consigliere Luciano Nataloni. Quei soldi, si legge sui documenti, furono erogati "senza seguire le procedure standard".

Una serie di operazioni che risultano, dice l'atto depositato, una "incredibile serie di erogazioni di favore e in palese conflitto di interessi, ovvero dissennate e inutili", in una "paradossale corsa verso l'abisso". Il liquidatore individua nella gestione della banca "una strategia basata su rimedi estemporanei e di dubbia legittimità con il frettoloso 'piazzamento' delle note obbligazioni subordinate ai risparmiatori che sono state successivamente e necessariamente azzerate". E qui il riferimento è alla messa in liquidazione della banca con il decreto di novembre 2015, quando migliaia di cittadini persero i loro soldi.

Infine, Santoni giudica gravissima la perdita dovuta alla decisione dell'ultimo Cda, che non seguì le indicazioni di Bankitalia di aderire all'offerta della Popolare di Vicenza. Scelta definita dal liquidatore "dolosa o gravemente colposa" perché dicendo sì a quell'offerta, Etruria avrebbe avuto un introito di 212 milioni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali