FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Padova, in scooter a caccia di Pokemon: i primi multati in Italia

Due ventenni sono stati fermati dai carabinieri sul mezzo: con i loro dispositivi mobili andavano in giro a caccia di Pikachu e dei suoi compari

Padova, in scooter a caccia di Pokemon: i primi multati in Italia

La Pokemon Go mania continua a imperversare, anche per le strade italiane. A Padova, all'alba, due universitari di 20 e 19 anni, a bordo di uno scooter, sono stati multati perché sorpresi dai carabinieri, alla guida del mezzo, mentre giocavano con l'app del momento. Fermati, i due erano senza documenti e con in mano uno smartphone e un tablet per catturare Pikachu & Co. A verbale hanno fatto mettere: "Eravamo a caccia dei pupazzetti". Ai due una multa di 210 euro, la prima sanzione in Italia per i patiti della realtà aumentata.

Secondo quanto riporta Il Mattino di Padova, Marcello, 20enne iscritto alla facoltà di Economia, e Arturo, 19enne iscritto a Matematica, si sono svegliati all'alba per andare a caccia dei tanto amati mostriciattoli sfruttando l'assenza di traffico e di altri allenatori. Saliti sul motorino, sia il guidatore che il passeggero hanno immediatamente inforcato il loro dispositivo mobile ma, quando il traffico si è intensificato, si sono trovati di fronte a una pattuglia dei carabinieri.

La motivazione della bravata? "Ci siamo alzati molto presto per essere più liberi di muoverci per catturare Pokemon. Quando, intorno alle 8, il traffico si è intensificato e ci siamo trovati davanti i carabinieri". La notizia ha fatto immediatamente il giro del web e l'allarme si fa crescente: con Pokemon Go potrebbero accadere eventi ben più spiacevoli e pericolosi.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali