FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cybersicurezza, record di attacchi nel primo semestre 2018

Il cybercrime, sottolineano gli autori del rapporto Clusit, "punta a massimizzare il risultato economico con un approccio tipico della criminalità organizzata"

Cybersicurezza, record di attacchi nel primo semestre 2018

Nel primo semestre i cyberattacchi sono cresciuti del 31% rispetto al semestre precedente. L'allarme arriva dal nuovo rapporto Clusit, secondo cui il 2018 "si appresta a battere il triste primato dello scorso anno". Il picco maggiore è stato registrato a febbraio, con 139 attacchi. E la causa dell'80% degli assalti informatici è stato il cybercrime, cresciuto del 35% rispetto all'ultimo semestre 2017.

Gli attacchi informatici, dice Andrea Zapparoli Manzoni, uno degli autori del Rapporto Clusit, "dimostrano la capacità e la determinazione degli attaccanti, che puntano a massimizzare il risultato economico con un approccio tipico della criminalità organizzata". La categoria cresce di più in senso assoluto è quella degli attacchi "Multiple Targets" (18% del totale a livello globale), in aumento del 15% rispetto ai sei mesi precedenti. Attacchi gravi compiuti in parallelo dagli stessi aggressori a numerose organizzazioni.

E' il "malware semplice", un software dannoso prodotto industrialmente a costi sempre decrescenti, il vettore di attacco più utilizzato (40% del totale degli attacchi). Questa tecnica segna un incremento del 22% nei primi sei mesi di quest'anno rispetto al 2017. "E' sconcertante che la somma delle tecniche di attacco più banali, come il phishing e il malware semplice, rappresenti oggi ancora il 61% del totale - aggiunge Andrea Zapparoli Manzoni -. Significa che gli aggressori riescono a realizzare attacchi di successo contro vittime teoricamente strutturate con relativa semplicità e a costi molto bassi, oltretutto decrescenti. E questa è una delle considerazioni più preoccupanti tra quelle che emergono dalla nostra ricerca".

Ransomware e Cryptominers, compresi nella categoria, rappresentano oggi il 43% del "malware semplice" utilizzato dai cybercriminali. In particolare, i Cryptominers, virus che generao valute digitali all'insaputa degli utenti, quasi inesistenti fino al 2016, sono stati utilizzati nel primo semestre dell'anno nel 22% degli attacchi realizzati tramite malware (erano il 7% nel 2017). Superano di poco i Ransomware (+21%), virus che prendono in ostaggio i dispositivi e per riottenere i dati bisogna pagare un riscatto. Negli attacchi sono inoltre sempre molto utilizzate, secondo gli esperti del Clusit, anche le tecniche di Phishing e Social Engineering, in aumento del 22% nei primi sei mesi del 2018.

Gli attacchi informatici nel mondo

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali