FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Carosello compie 60 anni, un tuffo nel passato

Lʼantesignano dei moderni spot pubblicitari è stato per 20 anni un genere televisivo unico

Carosello compie 60 anni, un tuffo nel passato

La prima puntata andò in onda il 3 febbraio 1957. Oggi Carosello spegne sessanta candeline. La trasmissione è stato il primo spazio televisivo dedicato alla pubblicità. Per generazioni di italiani è stato un appuntamento fisso di ogni sera alle 20,50 su l'allora unica rete televisiva in Italia, Programma Nazionale. I suoi personaggi iconici sono un pezzo della cultura italiana, da Carmencita a Calimero da Susanna tutta panna a Jo Condor.

In totale sono stati 7.261 gli episodi trasmessi nei 20 anni di messa in onda, per una trasmissione caratterizzata da un format molto semplice: una serie di sketch divertenti, intermezzi musicali o cartoni animati seguiti da un messaggio pubblicitario. "E dopo Carosello tutti a nanna". E' una frase entrata nel gergo tra la fine degli anni '50 e la fine dei '70 che milioni di bambini italiani hanno sentito pronunciare dai loro genitori priam di sedersi davanti alla tv.

Tanti i registi del cinema italiano che sono stati protagonisti, Luciano Emmer, Gillo Pontecorvo, Ermanno Olmi, Sergio Leone, Ugo Gregoretti, Valerio Zurlini, Pupi Avati, Pier Paolo Pasolini, Federico Fellini. Moltissimi anche gli attori: da Totò a Eduardo De Filippo, da Alberto Sordi a Vittorio Gassman. Oltre a Mike Bongiorno, Corrado, Dario Fo e Franca Rame, Ugo Tognazzi, Gino Cervi, Walter Chiari.

Carosello, 60 anni fa nasceva il mito

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE