FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Incendio a Notre-Dame, Sgarbi: “Lì non c’è nulla di valore” e Meluzzi ribatte: “Si vergogni”

A "Quarta Repubblica" il critico dʼarte e lo psichiatra si scontrano sul valore artistico della cattedrale di Parigi

L’incendio a Notre-Dame è al centro dello scontro a “Quarta Repubblica” tra Vittorio Sgarbi e Alessandro Meluzzi. Il critico d’arte ha voluto più volte puntualizzare che la cattedrale è sì un simbolo di Parigi, ma il suo valore architettonico non è così alto come si pensa. Sgarbi infatti ha spiegato: “Le cose irreparabili sono quelle dove perdi delle opere centrali per la cultura dell’Occidente. Lì non c’è nulla, le vetrate sono state finite nel 1967 e sono opere triviali di nessuna importanza e se dovremo ricostruire ricostruiremo”.

Il suo punto di vista non è però condiviso dallo psichiatra che subito gli grida contro: “Io mi vergognerei di queste dichiarazioni”. Questa frase, più volte ripetuta fa infuriare il critico d’arte che contrattacca: “Quella di Meluzzi è pure retorica di una mente ottenebrata che non sa distinguere tra le opere d’arte e le cartoline. Ignorante come una capra!”. Lo scontro tra i due, però, è subito fermato da Nicola Porro che zittisce entrambi in pochi secondi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali