FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Blake Lively torna in passerella a 4 mesi dal parto e gli haters l'accusano di essere troppo grassa 

Lʼattrice di "Gosspi Gilr" sfoggia le sue forme sinuose ma sui social scoppia la polemica

Ha partorito solo 4 mesi fa e in questi giorni è riapparsa sul red carpet: radiosa, bellissima e... florida. Non per tutti però. Ennesima vittima celebre del cosiddetto body shaming Blake Lively, star di "Gossip Girl" è stata definita sui social "grassa" e "appesantita"... 

Da sempre icona di stile e fascino Blake Lively, moglie di Ryan Reynolds e madre di tre figli (di cui l'ultimo nato ad ottobre) ha "sfilato" sul red carpet del film “The Rhythm Section” a New York sfoggiando le sue forme sinuose e morbide da post gravidanza. La cosa non è piaciuto ad un certo "popolino" social, maniaco della linea perfetta e sempre pronto a "macchiare" con assurde critiche star e celebrities.  

 

Blake Lively torna sul red carpet a 4 mesi dal terzo parto... ed è subito polemica

 

La  polemica si è fatta subito infuocata tra i fan dell'attrice, che hanno subito gridato al "body shaming" e i detrattori che hanno sottolineato la forma perduta della bella Blake.

Lei non si è scomposta o "offesa" e dall'alto della sua bellezza di madre ha elargito sorrisi al pubblico sfoggiando le sue curve.... orgogliosa.

 

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali