FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

"Point Break", l'azione a livelli estremi: a caccia delle 8 prove per l'illuminazione

Arriva nei cinema mercoledì 27 gennaio il remake della celebre pellicola degli anni 90. Tgcom24 vi presenta una clip in esclusiva

point break
ufficio-stampa

Arriva nei cinema italiani il 27 gennaio "Point Break", action thriller dove il giovane agente dell'FBI Utah s'infiltra in un gruppo itinerante di atleti amanti del brivido, capeggiati dal carismatico Bodhi: gli atleti sono sospettati di crimini effettuati in maniera estremamente inusuale.

Il film,

remake

del titolo cult degli anni 90 ha come protagonisti

Edgar Ramirez

e

Luke Bracey

.

Tgcom24

vi presenta una clip in esclusiva.

"Point Break", lʼazione a livelli estremi: a caccia delle 8 prove per lʼilluminazione


Se nel film del 1990, diretto da

Katheryn Bigelow

e interpretato da

Patrick Swayze

e

Keanu Reeves

la banda di rapinatori era un gruppo di surfisti, in questo caso il raggio di azione di amplia, per ampliare anche la spettacolarità del film: così dal surf su onde giganti si passa al wingsuit flying, allo snowboard, al free climbing e al motor cycling ad alta velocità. A dirigerlo c'è

Ericson Core

, che ha curato anche la fotografia del film, vista la sua precedente esperienza come direttore della fotografia di film importanti quali "Imbattibile", "Fast and Furious" e "Payback".

"Il primo 'Point Break' è stato un capolavoro, ha ispirato intere generazioni -

spiega Core

-. Tutti l'abbiamo amato e ne siamo stati influenzati. Volevamo usare l'ispirazione della versione originale, per poi realizzare sullo schermo la nostra visione di 'Point Break', creando un progetto di scala globale e coinvolgendo nell'azione i

migliori atleti del mondo di sport estremi

”.

Rispetto all'originale il film inserisce un elemento immaginario, chiamato

le Otto prove di Ozaki

. "Sono un modo di entrare in contatto con tutte le energie della Terra" spiega il regista. Le otto prove di Ozaki rappresentano un percorso unico per raggiungere l'illuminazione, che richiede forza psicologica e spirituale oltre che capacità fisiche.