FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Solidarietà con Cecchi Gori, da Pupi Avati a Giuseppe Tornatore: si mitighi la sentenza 

Lettera aperta firmata da numerose personalità del mondo dello spettacolo per chiedere di riconsiderare il caso

Vittorio Cecchi Gori
ansa


Il mondo del cinema e dello spettacolo si mobilita per Vittorio Cecchi Gori, condannato in via definitiva a 8 anni e mezzo di reclusione per il crac della casa di produzione Safin e al momento ricoverato al Gemelli di Roma. In una lettera aperta di Pupi Avati, firmata già da numerosi altri registi e personalità dello spettacolo, da Giuseppe Tornatore a Matteo Garrone, da Marco Bellocchio a Stefania Sandrelli, si chiede pubblicamente che la sentenza venga mitigata.

"Caro Vittorio, ho avvertito, in sintonia con gli autori dell'Anac e con tutti i cineasti che vorranno condividere questa mia, la necessità di scriverti per dirti pubblicamente e in modo incondizionato la nostra vicinanza in queste ore difficili della tua vicenda umana", comincia così la lettera con la quale diverse personalità del mondo dello spettacolo: "senza contestare in alcun modo gli aspetti giuridici che hanno determinato le sentenze che ti riguardano" esprimo la loroa speraza che il caso. venga riconsiderato. 

 

Vittorio Cecchi Gori, condannato in via definitiva a 8 anni e mezzo di reclusione  per il crac della casa di produzione cinematografica Safin, è ricoverato all'ospedale Gemelli di Roma. "Sia tu che tuo padre Mario, scrivono: "siete assi portanti della storia del nostro cinema. La gran parte dei più significativi autori italiani ha lavorato per il tuo gruppo imponendosi nel mondo grazie allo straordinario operato delle tue società di produzione e distribuzione. Pensiamo quindi che si debba tenere opportunamente conto della tua età e delle tue precarie condizioni di salute. Contiamo su un'oculata e tempestiva riconsiderazione del tuo caso che mitighi la sentenza e che ti restituisca a quel minimo di serenità che sappiamo meriti. Noi del così variegato e conflittuale cinema italiano in questa circostanza ci troviamo in piena sintonia nel dirti tutto il nostro affetto e soprattutto la nostra solidarietà".


Segue l'elenco di chi ha firmato, che comprende anche Giuliano Montaldo,  Antonio Avati, Giampaolo Letta, Giorgio Diritti, Giovanni Soldati, Rocco Papaleo, Massimo Wertmüller, Stefano Reali, Massimo Gaudioso, Gigi Diberti, Laurentina Guidotti, Fausto Brizzi e il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici, Paolo Taviani, Carlo Verdone, Francesco R. Martinotti, Diego Abatantuono, Leonardo Pieraccioni Carlo Degli Esposti, Aurelio De Laurentiis, Cinzia Th Torrini, Emanuele Salce, Renzo Rossellini, Luca Manfredi, Carlo Carlei, Gabriele Salvatores, Silvio Orlando, Marco Bellocchio, Paolo Virzi', Gigi Proietti, Maurizio Costanzo, Alessandro Haber, Sergio Stivaletti, Piera Detassis, Mimmo Calopresti, Claudio Sestieri, Umberto Marino, Fabrizio Ferracane, Ida Di Benedetto, Andrea Micciche', Felice Laudadio, Giovanni Veronesi, Christian De Sica, Enrico Vanzina, Gabriele Muccino,  Massimo Boldi, Andrea Guerra, Daniele Cipri', Claudio Bigagli, Massimo Ghini, Agostino Ferrente, Marco Risi,  Roberto Cicutto e Laura Delli Colli.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali