FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

E' morta a 101 anni Micheline Presle, recitò per Elio Petri e Francesca Archibugi

L’attrice francese aveva lavorato al fianco di Marcello Mastroianni nel film "L'assassino"

E' morta a 101 anni Micheline Presle, recitò per Elio Petri e Francesca Archibugi - foto 1
IPA

È morta a 101 anni Micheline Presle, attrice francese che aveva recitato al cinema, tra gli altri, per Elio Petri e Francesca Archibugi.

Micheline Presle era nata a Parigi il 22 agosto del 1922 e ha lavorato nel cinema per quasi 80 anni, debuttando all'età di 15 anni nel film "La fessée", con il nome di Micheline Michel. L'anno successivo, grazie al ruolo di protagonista nel film *Ragazze in pericolo* (1939) di Georg Wilhelm Pabst, vinse il "Prix Suzanne Bianchetti" come giovane attrice più promettente del cinema francese.

E' morta a 101 anni Micheline Presle, recitò per Elio Petri e Francesca Archibugi - foto 2
Tgcom24

La collaborazione con Elio Petri e Francesca Archibugi

 Nella sua lunga carriera Micheline Presle lavorò in Francia, ad Hollywood e anche in Italia. Nel 1961 apparve infatti accanto a Marcello Mastroianni nel film "L'assassino" di Elio Petri, nei panni di Adalgisa De Matteis. Nel 1988 era tornata a recitare in Italia per Francesca Archibugi in "Mignon è partita", ma ha lavorato con tanti altri registi del nostro Paese come Gianni Franciolini, Riccardo Freda, Carmine Gallone, Mario Camerini, Vittorio Sala, Sergio Sollima e Domenico Paolella.

 

Star di "Il diavolo in corpo"

  Dopo essere stata premiata in patria nel 1939 come attrice rivelazione del cinema francese, grazie al film "Ragazze in pericolo", la Presle durante gli Anni Quaranta recitò in molte commedie romantiche, come "Il diavolo in corpo" (1947) di Claude Autant-Lara, in cui interpretava la crocerossina Martha. Il film ebbe molto successo, soprattutto per l'alchimia tra l'attrice e il collega Gerard Philipe, protagonisti sul grande schermo di una tormentata storia d'amore sullo sfondo della prima guerra mondiale.

 

I film in costume

  All'inizio degli Anni Cinquanta si trasferì a Hollywood, dove lavorò con registi del calibro di Jean Negulesco, Fritz Lang e William Marshall. Dopo aver passato qualche anno negli Stati Uniti, tornò in patria e si dedicò ai film in costume: "Versailles" (1954), in cui vestiva i panni di Madame de Pompadour, e "Napoleone Bonaparte" (1955), nel ruolo di Ortensia di Beauharnais di Sacha Guitry. Negli Anni Sessanta fece ritorno ad Hollywood per girare "Una sposa per due (1962)" e "Intrigo a Stoccolma" (1963) di Mark Robson, commedia giallo-rosa con Paul Newman.

 

La carriera televisiva

 Dagli anni sessanta la Presle affiancò alla carriera cinematografica quella televisiva. Interpretò Eve Lagarde nella serie francese "Les Saintes chèries", andata in onda dal 1965 al 1970. In quegli anni recitò anche in "Caccia al maschio" (1964) di Édouard Molinaro," Tutti pazzi meno io" (1966) di Philippe de Broca, "Le pistolere" (1971) di Christian-Jaque e "Niente di grave, suo marito è incinto" (1973) di Jacques Demy. Tra le sue ultime interpretazioni "Il sangue degli altri" (1984) di Claude Chabrole "Voglio tornare a casa!" (1989) di Alain Resnais, per cui ottenne una candidatura al Premio César . La sua ultima apparizione risale al 2014 in "Sesso, amore e terapia", diretta dalla figlia Tonie Marshall.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali