FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Federica Abbate: "Eʼ bello dire la propria, canto quello che vivo"

La cantautrice presenta a Tgcom24 il suo primo Lp "In foto vengo male" (Carosello Records)

Federica Abbate: "E' bello dire la propria, canto quello che vivo"

Da autrice a cantante, o meglio, cantautrice. Il nuovo percorso Federica Abbate l'ha cominciato un anno e mezzo fa e indietro non si torna. Nonostante i grandi successi scritti per collegi ben più conosciuti, spronata dall'amico Marracash, ora le canzoni se le scrive e se le canta da sola. A Tgcom24 presenta il primo lp "In foto vengo male" e confessa: "Spero che in futuro non si parli più della Federica che scrive ma della Federica che canta".

Tutto è cominciato con In Radio e Marracash... 
Marra è un po' il padrino di tutto il mio progetto cantautorale, è lui che mi ha portato per la prima volta sul palco. In Radio è stato il mio battesimo. Ci siamo divertiti, siamo così diversi che ci siamo trovati benissimo, molto più simili di quello che si può immaginare. Mi ha insegnato ad essere coerente, a non avere paura, ad essere me stessa nella musica. Le mode cambiano, l'importante è trovare la propria direzione. Ho fatto quello che mi andava di fare...

 

E finalmente canti le tue canzoni, com'è stato il passo? 
Difficile. Ma è bello dire la propria... Mi sono lasciata guidare dalla musica, dopo aver scritto queste canzoni, mi sono detta 'darle a qualcuno è un vero peccato'. Cose così personali non potevano cantarle altri.. C'è un livello di coincidenza tra quello che dico e quello che vivo che non ho potuto scindere le due cose. 

 

Da un lato sei l'autrice di tante hit importanti dall'altra sei l'autrice che vuole fare la cantante...
Paradossalmente non sono in vantaggio, gli addetti ai lavori mi conoscono, ma la cosa più difficile è arrivare al pubblico. Ho 27 anni, il mio è un percorso, nulla succede all'improvviso. Certo, ci sono tante paure, come ogni salto che si fa. Avevo la stessa paura quando ho cominciato come autrice. Sono molto determinata e il coraggio non mi manca. Spero che tra qualche tempo qualcuno mi chiederà soltanto delle mie canzon

E' diverso scrivere per se stessi?
Non è solo una questione di canzone, ma come la comunichi. Lo stesso brano se lo dai a un'altra persona può fare tutto e niente. Oggi c'è una sorta di livellamento, gli autori che lavorano in maniera tamburellante sono una decina, ma è raro il lavoro mirato, sul progetto personale invece ci sono pezzi che parlano di vita vissuta. C'è più sincerità.

 

Sei pronta per i live (debutta il 25 maggio al Mi Ami Festival di Milano, ndr)?
All'inizio non è stato facile stare sul palco, cercare uno stile, perché in realtà sono quella che sono e lo sono anche come personaggio. Sono un po' agitata, ci sto lavorando tanto, queste sono le mie prime prove da cantantessa, sono felice di incontrare le persone, sui social hai modo di parlarci, ma averle davanti è un'altra cosa. E' il bello di stare con gli altri.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE