FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

I CCCP sono tornati per festeggiare i 40 anni: "Nessuna reunion però... non abbiamo l'età"

Dal 12 ottobre all'11 febbraio nei Chiostri di San Paolo l'esposizione "Felicitazioni! CCCP-Fedeli alla linea 1984-2024"

I CCCP sono tornati per festeggiare i 40 anni: "Nessuna reunion però... non abbiamo l'età" - foto 1
Facebook

I CCCP-Fedeli alla Linea" sono tornati.

A 40 anni dal loro primo EP "Ortodossia", la band si racconta in una mostra inedita in programma dal 12 ottobre all'11 febbraio a Reggio Emilia, "Felicitazioni! CCCP - Fedeli alla linea. 1984 - 2024". Giovanni Lindo Ferretti, cantante e leader del gruppo insieme a Massimo Zamboni ci tiene però a sottolineare: "Non è in programma nessuna reunion, non possiamo fare i CCCP perché sarebbe ridicolo, qualcuno continua a suonare alla nostra eta' ma non è per noi. Non c'è una reunion perché non c'è una band".

Autodefinitosi un gruppo di "musica melodica emiliana" e di "punk filosovietico", i CCCP vennero fondati nel 1982 a Berlino Ovest, dall'incontro tra il chitarrista Massimo Zamboni e il futuro cantante/leader del gruppo Giovanni Lindo Ferretti, entrambi originari della Provincia di Reggio Emilia, e si sciolsero in Italia nel 1990, in contemporanea alla riunificazione tedesca, dopo avere incluso nel gruppo nel 1984 la 'benemerita soubrette' Annarella Giudici e Danilo Fatur, 'l'artista del popolo'. 

 

 "Per noi non c’è confine tra il palco e il mondo, i CCCP non erano nati per fare i musicisti e i cantanti, si sono ritrovati a farlo perché c'erano le condizioni di farlo", ha raccontato Giovanni Lindo Ferretti, il leader del gruppo alla conferenza stampa di presentazione della mostra.  "Come ci siamo ritrovati a fare questa mostra perché si sono create le condizioni per farla. Quando ci siamo ritrovati tutti e quattro insieme mi sono detto 'si è risvegliata la cellula'. Da qui la mostra ha cominciato ad avere un senso".

 I CCCP hanno dato parole e musica a più generazioni. Quello che loro hanno immaginato e progettato insieme meritava di essere sostenuto, con grande rispetto della loro autonomia".

 

 

 

 


L'esposizione ripercorrerà l'intera storia del gruppo in un percorso cronologico e antologico che porterà il visitatore a scoprire i dischi pubblicati dai CCCP, la gestazione di ognuno di essi, il racconto del mondo che li circondava e a cui si sono ispirati e poi gli universi generati attraverso i suoni, i testi, gli abiti e le performance create. Un'idea nata inizialmente da Zamboni e condivisa dopo qualche scetticismo iniziale anche da Annarella Giudici, il volto femminile della band che si è sciolta nel 1990, dopo la caduta del muro di Berlino. "Inizialmente ho detto a Massimo 'non se ne parla neanche', poi c'è stato un riavvicinamento e un confronto, è accaduto tutto in fretta - ha raccontato - La mostra pero' è molto complicata, c’è tanto lavoro dietro". Il racconto cronologico infatti lascerà anche spazio a ambientazioni immersive atte a ricostruire, attraverso installazioni sonore, video, parole e immagini, il caos dell'essere CCCP, le esperienze quotidiane delle varie fasi creative, le sperimentazioni e i concerti. Partendo da Reggio Emilia, la mostra proietterà il visitatore in uno spazio umano illimitato, collegando di volta in volta Berlino est e ovest, l'Europa delle frontiere, Beirut, il mondo arabo, URSS e paesi satelliti, la Cina, Hong Kong, la Mongolia, Kabul, Palestina, Israele, Mosca, Leningrado e trasformando vorticosamente quei luoghi in periferie e centri di un unico impero mentale.

 

Evento-concerto Oltre alla mostra sabato 21 ottobre i CCCP saranno al Teatro Municipale Valli di Reggio Emilia per il 'Gran Gala Punkettone di parole e immagini' in cui si racconteranno al pubblico con Daria Bignardi e Andrea Scanzi. Non sarà pero' un vero e proprio concerto. "Come si fa a non fare una serata al Valli?" ha evidenziato Ferretti: "Non vorremmo pero' fare la caricatura dei CCCP, abbiamo la stessa dignita' di quando eravamo giovani strafottenti. Siamo stati tragicomici, ma mai ridicoli".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali