FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Virus Zika, da incubo ad arma anti-cancro

Le Università della California e di Washington hanno scoperto come la capacità del virus Zika di uccidere le cellule progenitrici dei neuroni possa essere usata contro il cancro

Virus Zika, da incubo ad arma anti-cancro

Comincia una nuova vita per il virus Zika, che da allarmante minaccia per la salute diventa una possibile arma per combattere le staminali del gliobastoma . L'idea dei ricercatori delle Università di Washington e California è quella di sfruttare le sue capacità di uccidere le cellule progenitrici dei neuroni per tentare di eliminare le staminali impazzite che si dimostrano resistenti alla chemio.

"E' cosi' frustrante sottoporre un paziente ad un trattamento molto aggressivo, per poi vedere il tumore che ritorna a pochi mesi di distanza: per questo motivo ci siamo domandati se la natura potesse offrirci un'arma per combattere le cellule che sono le principali responsabili delle recidive", afferma Milan Chheda dell'Università di Washington.

Immediatamente il pensiero è andato al virus Zika, diventato una vera e propria minaccia durante le Olimpiadi di Rio del 2016. "Abbiamo ipotizzato che la sua predilezione per le cellule progenitrici neurali potesse essere usata contro le staminali del glioblastoma", ha concluso il ricercatore Michael Diamond.

I test - Il virus Zika è stato testato in provetta su cellule prelevate dai pazienti e ha dimostrato di colpire principalmente le cellule staminali del gliobastoma piuttosto che quelle sane o altre cellule dello stesso tumore. Iniettato nei topi malati, il virus è riuscito a rallentare la progressione del glioblastoma aumentando di conseguenza la sopravvivenza.

L'esperimento e' stato poi ripetuto con esiti positivi usando un secondo ceppo di Zika meno aggressivo. In questo modo il virus può essere contenuto con facilità dal sistema immunitario per evitare il diffondersi nell'organismo. In futuro il virus Zika modificato, se dimostrerà l'incapacità di contagiare altre persone o di diventare più aggressivo, potrebbe essere impiegato per aumentare l'effetto delle terapie tradizionali.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali