FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Riabilitazione a domicilio, è italiano il primo robot indossabile teleguidato

Il dispositivo della Scuola superiore SantʼAnna di Pisa "trasmette" i movimenti a un esoscheletro applicato sul braccio anche a grande distanza

Un gruppo di ricercatori dell'Istituto di BioRobotica della Scuola superiore Sant'Anna di Pisa ha realizzato il primo robot indossabile che si può controllare a distanza con il telecomando. Si tratta di un dispositivo composto da un esoscheletro da indossare sul braccio e un robot all'avanguardia collegati a distanza via internet, che possono essere utilizzati la riabilitazione a domicilio teleguidata. In questo modo il terapista può "trasmettere" i movimenti al paziente anche dall'ospedale.

Riabilitazione a domicilio, è italiano il primo robot indossabile teleguidato

Doppia risposta - Il nuovo progetto di "robotica indossabile" sviluppato nel laboratorio guidato da Nicola Vitiello, è stato presentato in Germania alla Fiera di Hannover, dove ha ricevuto il premio "Innovation Award 2015". L'idea alla base di ReTeLINK - questo il nome del dispositivo - è di utilizzare un esoscheletro indossabile per permettere a un utente di muovere un altro braccio robotico, che fisicamente si trova altrove ed è connesso attraverso internet. La persona con l'esoscheletro "trasmette" i suoi movimenti al robot manipolatore. Quest'ultimo li riproduce e, se incontra un ostacolo, può trasmettere a sua volta le "deviazioni" all'esoscheletro.

"L'esoscheletro registra i movimenti della persona - spiega Vitiello - mandando informazioni in tempo reale al robot. Questi a sua volta, se sente una forza, la fa sentire, grazie allo scambio di dati, all'esoscheletro sull'utente. È bidirezionale". La differenza, rispetto ai classici robot industriali, aggiunge il ricercatore Marco Cempini, "è che l'esoscheletro e il braccio robotico sono più flessibili e adattabili alla condizioni esterne".

Applicazioni pratiche - Le applicazioni possono spaziare dalla riabilitazione a domicilio all'impiego industriale. "Abbiamo immaginato - spiega Vitiello - una persona che indossa a casa l'esoscheletro, che il terapista può istruire attraverso il braccio robotico in ospedale". "Tramite l'esoscheletro - conclude Cempini - si potrebbero istruire i robot usati nelle diverse fasi di produzione a svolgere le proprie applicazioni o, nel caso in cui una barriera fisica o sostanze pericolose impediscono ad una persona di agire, il robot può essere mandato al suo posto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali