FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Napoli, piazza del Plebiscito canta con Pino Daniele a "Festivalbar" 1997

L'esibizione nella sua città natale tra decine di striscioni a lui dedicati 


 


 


Un'artista incredibile, un monumento della storia musicale napoletana e italiana.

Pino Daniele

è stato uno dei cantautori più apprezzati grazie a canzoni indimenticabili che si sono tramutate per molti nella colonna sonora della propria vita. Tra i suoi dischi più famosi c'è sicuramente “Dimmi cosa succede sulla terra”, pubblicato il 12 marzo del 1997, che fu un successo clamoroso per Daniele. Si trattò del secondo disco più venduto di quell'anno. A soli due giorni dalla sua pubblicazione, debuttò al secondo posto della classifica italiana per poi arrivare in vetta durante la seconda settimana di permanenza.  


 


In questo album era presente il celebre brano 

"Che male c'è"

 con cui il cantautore napoletano si aggiudicò la vittoria al "

Festivalbar" 

del 1997.  Nel 1998 lo stesso brano venne nominato Canzone Italiana dell’anno al Premio Italiano della Musica.


 



 


Il brano è un inno all'amore senza pensieri, alla necessità di rifugiarsi in un porto sicuro nei momenti di sconforto, senza la paura di essere giudicati o la vergogna di esternare le proprie inibizioni. Un testo senza tempo che continua a essere cantato e amato a distanza di decenni. Rivediamo dunque l'esibizione di Pino Daniele, scomparso il 4 gennaio del 2015, quando vinse il "

Festivalbar

" nella sua Napoli osannato dai fan in delirio, mentre canta 

"Che male c'è".


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali