FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Voto, Alfano e orlandiani contro Renzi | Fi e Pd: "Approvare ddl entro il 7 luglio"

"Questa impazienza di andare alle urne costerà al Paese miliardi", avverte il ministro degli Esteri. E gli orlandiani dicono no al proporzionale con soglia al 5%

Alcuni giornali "hanno sostenuto che Berlusconi è in disaccordo con la soglia di sbarramento del 5%: è esattamente il contrario, fosse per me la porterei all'8%". Lo ha detto lo stesso leader di Forza Italia. Sulla legge elettorale è intervenuto anche Angelino Alfano: "Non abbiamo posto la questione della soglia, ma una questione di principio sulla legge elettorale, perché ci uniremo ad altri e supereremo il 5%".

"In questo momento così delicato - ha spiegato Alfano - non si vota per la legge elettorale, ma si vota lo scioglimento delle Camere e io non capisco l'impazienza del Pd di portare l'Italia al voto tre o quattro mesi prima in piena legge di stabilità. Rivolgo un appello al Pd prima della loro Direzione: pensino all'Italia e al danno che questa impazienza di rientrare a Palazzo può fare all'economia".

Accordo Fi-Pd su legge elettorale e tempi - Al termine dell'incontro Pd-Fi Renato Brunetta ha detto che l'intesa tra i due gruppi non riguarda solo i contenuti ma anche i tempi di approvazione, con l'approdo in Aula alla Camera il 5 giugno e il sì del Senato "entro la prima settimana di luglio". E sulla data delle elezioni dice: "E' legata all'iter parlamentare della legge elettorale, ma  per noi può andare bene anche il 24 settembre".

Direzione del Pd, no minoranza in segreteria - In attesa della conclusione della direzione del Pd, si apprende che la minoranza non entrerà nella segreteria che sarà annunciata dallo stesso Renzi: non ci sarebbe spazio né per Orlando né per Emiliano. "Noi ascolteremo - spiega il capogruppo alla Camera di Ap, Maurizio Lupi -. Poi, nella nostra direzione, quella di Ap, giovedì, valuteremo il da farsi. Non minacciamo. Quanto alle dimissioni (dei ministri di Ap dal governo, ndr) non è un'ipotesi che stiamo valutando. Comunque abbiamo ancora due giorni per lavorarci".

Dagli orlandiani no al proporzionale con soglia al 5% - Anche i 31 senatori orlandiani rivolgono il loro appello al Partito democratico, in un documento firmato da Vannino Chiti che dice no al proporzionale con sbarramento al 5%: "Puntare ad elezioni in autunno, subordinando a questa scelta la legge elettorale, rischiando l'esercizio provvisorio di bilancio che alimenterebbe spinte ad attacchi di speculazione finanziaria, colpendo finanze pubbliche, imprese e cittadini, significherebbe assumersi la gravissima responsabilità di un salto nel buio". E ancora: "Sarebbe un grave azzardo far coincidere le elezioni con la sessione di bilancio. L'aumento dell'Iva a questo punto non è un rischio ma un'elevata probabilità. Se si vuole votare prima il modo c'è: si approvi prima la legge di bilancio, si può fare. Non si può correre e dire 'speriamo vada bene'".

Legge elettorale, le soglie di sbarramento

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali