FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tav, il neo sindaco di Lione contro l'opera: "Fermiamola, è un progetto sbagliato" | De Micheli: "Si va avanti"

Pochi giorni fa anche la Corte dei Conti Ue aveva evidenziato i limiti dellʼopera da un punto di vista dellʼimpatto ambientale e del rapporto costi-benefici

luigi di maio

"Non bisogna insistere su un progetto sbagliato. È la scelta peggiore, bisogna fermare la Tav". Il neo sindaco di Lione, l'ecologista Gregory Doucet, si schiera apertamente contro il progetto e spiega i motivi in un'intervista al La Stampa. Tra Lione e Torino "esiste già un'infrastruttura ferroviaria, che è sufficiente, ed è su quella che dovremmo investire. La Francia ha iniettato troppi pochi fondi sul trasporto merci su rotaia a livello nazionale. E ora vogliono farci credere che con la Tav rilanceremo l'attività, ma è assurdo", ha dichiarato Doucet. "Se valorizzata, la linea che già corre fra Lione e Torino è sufficiente per i treni che vi devono circolare. Ecco, investiamo prima lì e nel resto della Francia" ha aggiunto Doucet.

Pochi giorni fa anche la Corte dei Conti Ue aveva evidenziato i limiti dell'opera da un punto di vista dell'impatto ambientale e del rapporto costi-benefici. Inutile, costosa e in perenne ritardo rispetto ai tempi del progetto: così era stato definito il tunnel transfrontaliero tra le stazioni di Bussoleno e Saint Jean de Maurienne dall’istituzione europea preposta al controllo delle spese pubbliche.

 

Adesso, a mettersi di traverso alla realizzazione dell'opera è anche il neo sindaco di Lione, perfettamente allineato a quello di Torino, Chiara Appendino. "Non bisogna insistere su un progetto sbagliato" ha aggiunto Doucet, consapevole che la scelta “non dipende da me né dal sindaco di Torino” perché “sono i due governi e l’Europa a decidere” sul futuro dell’infrastruttura. Doucet avvisa che “ora sono alla guida della mia città” e “credo di dover dire la mia opinione”, anche perché l’ecologia “non è proprietà esclusiva di nessuno”.

 

De Micheli: "La Tav serve, il cantiere sta andando avanti" - "Il cantiere sta andando avanti e, a breve, consentiremo a tutti i sindaci, anche a quelli che hanno votato contro, di potere accedere ai finanziamenti di compensazione ambientale". Lo ha detto il ministro dei Trasporti, Paola De Micheli, in merito alla Tav Torino-Lione intervenendo ad Agorà. "Credo - ha spiegato - che l'alta velocita' Torino-Lione serva perché là c'è un corridoio europeo". L'investimento sul ferro "è il punto chiave del trasporto dei passeggeri e delle merci del futuro in tutta Europa e l'Italia deve stare nel grande sistema infrastrutturale del nostro continente", ha concluso il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali