FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Super-pass a Firenze per lʼauto di Agnese Renzi, il leader Pd: fake news

Sarebbe stata concessa dal Comune alla moglie dellʼex premier lʼautorizzazione ad accedere liberamente alle zone a traffico limitato

Super-pass a Firenze per l'auto di Agnese Renzi, il leader Pd: fake news

Libero accesso alle aree a traffico limitato, parcheggio gratuito su strisce blu e gialle, circolazione su corsie preferenziali e zone pedonali. Il permesso speciale per accedere dovunque a Firenze sarebbe stato concesso a Lady Renzi, la moglie del leader Pd, che avrebbe ricevuto il pass "su indicazione della segreteria del sindaco". Immediata la smentita di Matteo Renzi, che accusa: "Fake news del centrodestra".

A segnalarlo è il "Fatto quotidiano", su cui si legge che il motivo legato alla generosa concessione è legato alla voce "istituzionale-sicurezza". La data di rilascio è il 21 settembre 2017: allora il marito di Agnese, Matteo Renzi, era soltanto segretario del Pd, non aveva più incarichi istituzionali. A cosa è legata dunque quella parola nel documento rilasciato?

In ogni caso, il permesso scade il 21 settembre 2021: quattro anni di libero accesso per il suv Volkswagen Tiguan 2.0 turbodiesel di Agnese Landini, che non è neanche residente nel capoluogo toscano.

La segnalazione di Fratelli d'Italia - Sono stati due esponenti di Fratelli d'Italia a denunciare la situazione. Francesco Torselli e Giovanni Donzelli, consigliere comunale e candidato alla Camera, si sono subito rivolti al sindaco Dario Nardella per avere spiegazioni. Ma da Palazzo Vecchio arriva una nota che rinvia alla prefettura: "Le misure di protezione personale, in cui rientra anche la concessione dei permessi di circolazione speciali, come quella dell'ex premier e attuale segretario del Pd, vengono comunicate dalla prefettura al sindaco", che non interviene personalmente.

E' la sua segreteria, fanno sapere in Comune, ad attivare gli uffici sulla base di quanto detto dalla prefettura. Infine, precisa il comunicato, "il permesso lo rilascia la Sas, società dei servizi alla strada, e non il Comune". Dalla prefettura però pare che smentiscano la versione di Palazzo Vecchio e d'altra parte sull'autorizzazione sarebbe scritto che il rilascio è stato fatto "su indicazione della segreteria del sindaco".

Renzi: un'altra fake news - Matteo Renzi pubblica la sua smentita su Facebook, scrivendo, accanto a una foto dell'auto della moglie: "Guardate questa foto e domandatevi fino a che punto può arrivare la malafede. Alcuni politici del centrodestra, anziché fare il lavoro per il quale sono pagati, hanno pedinato per giorni mia moglie. E poi hanno scattato la foto di Agnese che, tornando da scuola, sta entrando nel Lungarno Diaz, accanto agli Uffizi. Alcuni giornali e molti siti oggi ci sono saltati sopra".

Il post del segretario del Pd continua: "E scrivono: vedete, la Casta? La moglie di Renzi passa dalle corsie preferenziali. Chiunque conosca Firenze sa che, durante i lavori di questi mesi, quella strada è l'unico passaggio per poter tornare a casa, in via Guicciardini. Un passaggio obbligato. Chi è residente o comunque ha il parcheggio in centro deve attraversare quella come unica strada per arrivare in Oltrarno. Deve passare di lì. A meno di non scegliere l'elicottero, ma in Piazza Pitti si atterra male. Perché tanta malafede, perché tanto odio?".

E ancora: "Gli stessi scrivono che la famiglia Renzi parcheggia gratis a Firenze. Per stare a Firenze noi abbiamo affittato (come molti che stanno in centro) un posto auto in un garage. Pagando come tutti".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali