FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il "no" che cambiò lʼItalia, i manifesti del referendum sul divorzio del 1974

La campagna politica ha visto opporsi i fautori del "sì" (Dc, Msi e Comitati civici) e i promotori del "no" (Pci, Psi, Partito radicale e associazioni laiche)

Il "no" che cambiò l'Italia, i manifesti del referendum sul divorzio del 1974

"La famiglia deve vincere, vota sì" contro "Il mondo ci guarda, gli italiani votano no". La battaglia politica a suon di manifesti e slogan che ha preceduto il referendum abrogativo (il primo in assoluto) sul divorzio del 1974 è stata tra le più avvincenti e importanti della storia dell'Italia repubblicana. Da una parte i sostenitori del "sì" e "dell'integrità della famiglia" (Dc, Msi e Comitati civici), dall'altra i promotori del "no" e della "libertà di scelta" (Pci, Psi, Partito radicale e associazioni laiche).

Il "no" che cambiò lʼItalia, i manifesti del referendum sul divorzio del 1974

La campagna politica ha visto opporsi i fautori del "sì" (Dc, Msi e Comitati civici) e i promotori del "no" (Pci, Psi, Partito radicale e associazioni laiche)

leggi tutto

La lotta referendaria si giocò in gran parte sul fronte della comunicazione, evidenziando un interessante contrasto tra slogan e metodi dal sapore "antico" e utilizzo di nuovi mezzi di diffusione come gli spot televisivi. A farla da padrone, però, sono i manifesti che tappezzano i muri di tutte le città d'Italia: un campionario di frasi a effetto, di proverbi e storie che fanno leva sulle emozioni della gente.

La preoccupazione più grande dei partiti a favore dell'istituto introdotto in Italia nel 1970 con la legge Fortuna-Baslini era legata alla formula abrogativa: gli italiani avrebbero infatti potuto confondersi e votare "sì" pensando di contribuire alla causa del divorzio. Per questo motivo i manifesti dei "no" apparivano più semplici e meno evocativi, con l'utilizzo di parole come "libertà" e "scelta" accanto alla spiegazione del voto. Sull'altro fronte i fautori del "sì" puntavano su storie di famiglie che esaltano l'istituto del matrimonio, fatto di compromessi e di condivisione.

Una battaglia pervasiva e "totale", che portò al voto l'87,72% degli aventi diritto, il quorum maggiore mai registrato finora in Italia. Il 12 e il 13 maggio del 1974 gli italiani dissero "no" all'abrogazione della legge sul divorzio, con una maggioranza del 59,1%.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali