FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Pontoglio (Brescia), sindaco leghista nega la cittadinanza a una marocchina (in Italia da 21 anni): "Non sa l'italiano"

Alessandro Pozzi: "Durante la cerimonia non ha capito la richiesta di pronunciare il giuramento richiesto dalla normativa"

Pontoglio (Brescia), sindaco leghista nega la cittadinanza a una marocchina (in Italia da 21 anni): "Non sa l'italiano" - foto 1
Facebook

Il sindaco di Pontoglio (Brescia), Alessandro Pozzi, ha negato la cittadinanza a una donna marocchina che, in Italia dal 2003 - così scrive il primo cittadino - ha dimostrato "non solo di non possedere il livello minimo di conoscenza della lingua italiana ma, ancor più preoccupante, durante la cerimonia ha mostrato difficoltà nel capire la richiesta di pronunciare il giuramento richiesto dalla normativa".

La dichiarazione in questione è "Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservare la Costituzione e le leggi dello Stato": in questo caso ha funzionato come la goccia che ha fatto traboccare il vaso della cittadinanza (negata).

Pontoglio (Brescia), sindaco leghista nega la cittadinanza a una marocchina (in Italia da 21 anni): "Non sa l'italiano" - foto 2
Tgcom24


La richiesta di cittadinanza risale a 15 anni fa

 In Italia dal 2003, la donna - come precisato da Bresciatoday - ha avanzato richiesta di cittadinanza nel 2009. Il sindaco Pozzi, nel motivare la sua decisione, ha "rincarato" la dose: "La sua incapacità di comprendere e parlare la lingua italiana, nemmeno quella base, rispondendo a un semplice 'Come ti chiami?', dopo oltre 20 anni, solleva non solo legittime preoccupazioni pratiche ma anche interrogativi più ampi sulle barriere che potrebbero esistere nel processo di integrazione, sia a livello familiare che sociale. È preoccupante pensare che una donna possa trascorrere così tanto tempo in Italia senza acquisire una conoscenza minima della lingua del Paese ospitante: ciò solleva dubbi sulla reale inclusione nel corso di questi anni".

 

 

La signora, inoltre, non avrebbe mai partecipato a corsi di alfabetizzazione, nemmeno i più recenti proposti dal Cpia di Chiari nel 2022/2023. E questo, per il sindaco di Pontoglio, è risultato (evidentemente) inaccettabile: "A coloro che si sono iscritti ai corsi, desidero esprimere la mia gratitudine - ha detto Alessandro Pozzi -. Siete voi che incarnate il desiderio di integrarvi e di essere parte attiva della nostra comunità. Un grazie a coloro che veramente desiderano abbracciare la nostra cultura e che utilizzano gli strumenti messi a disposizione dalle istituzioni. La negazione della cittadinanza è stato un gesto doveroso, di rispetto verso i cittadini di origine straniera che sono diventati italiani e si sono integrati nella nostra comunità".

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali