FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Silvio Berlusconi a Tgcom24: "Lo Stato italiano è in una situazione drammatica"

"Via tasse su prima casa e prima auto": questa la "rivoluzione" proposta dal leader di Forza Italia. "Serve il proporzionale ma non andremo mai con Renzi. M5s peggio dei comunisti", ha detto

"Io sto con l'Italia concreta e con i problemi degli italiani". Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, a Tgcom24 intervistato da Paolo Liguori. "Lo Stato - ha aggiunto - è in una situazione drammatica. Per riportare l'Italia verso il benessere e la democrazia occorre una rivoluzione. Il programma del Centrodestra prevede: meno tasse, meno Stato e meno Europa. Più aiuto a chi ha bisogno, più sicurezza e più garanzie per ciascuno".

"Non servirà alcun accordo con Renzi" - Berlusconi ha poi sottolineato: "Non serve alcun accordo con il Pd di Matteo Renzi. Non sarà necessario se il Centrodestra resterà unito". "Renzi - ha ribadito - cerca ancora l'accordo con Pisapia, con Prodi e magari chissà anche con Bersani. Siamo molto lontani".

"Il rapporto con Salvini è cordiale" - Tra i possibili alleati di Forza Italia invece c'è la Lega: "Matteo Salvini usa un linguaggio provocatorio in tv, ma è una persona di buon senso e il rapporto tra noi è cordiale. Si potrà lavorare molto bene". Su un unico punto non c'è ancora intesa: "Noi diciamo teniamo l'euro, ma dobbiamo tornare a stampare moneta".

"Cinque Stelle pericolo peggiore dei comunisti" - Il leader di Forza Italia si è quindi detto pronto a tornare in campo. "Mi sento costretto - ha spiegato - a scendere di nuovo in campo, come nel '94, per evitare il pericolo dei 5 Stelle, che è ancora peggiore del comunismo". "I rappresentanti del M5s non hanno né arte né parte. Affidarsi a queste persone non ha alcun senso. Capisco la frustrazione di chi vota 5 Stelle, ma fanno del male al Paese. Il reddito di cittadinanza che propongono, ad esempio, è irrealizzabile".

"Abrogare tassa di successione e imposte sulla prima auto" - "Il programma di Centrodestra prevede l'abrogazione di ogni imposta sulla successione, sulle donazioni, sulla prima casa e sulla prima auto. Con noi non ci sarà mai alcuna patrimoniale", ha assicurato. Inoltre, per Berlusconi servono meno politici di professione. "Al governo - ha detto - bastano dodici persone dalla società civile e solo otto politici (3 di Forza Italia, 3 della Lega e 2 di Fratelli d'Italia). Su questo già c'è un accordo".

"Con le amministrazioni di Centrodestra meno tasse e più sicurezza" - Berlusconi, in vista del ballottaggio per le Comunali di domenica, ha quindi rivolto un appello a tutti i moderati: "Andate a votare perché le amministrazioni di Centrodestra garantiscono meno tasse, meno multe, più sicurezza, più attenzione a chi ha bisogno e più cura del verde".

"Terremotati del Centro Italia abbandonati dallo Stato" - E infine una stoccata ai governi di Centrosinistra per la gestione dell'emergenza sisma. "Sul terremoto del Centro Italia e quello de L'Aquila c'è una netta differenza: noi in meno di 5 mesi consegnammo un tetto antisismico, sicuro e ben fatto a più di 20mila abruzzesi. Mentre ad Amatrice e nelle altre periferie la situazione ancora adesso è drammatica: questa gente è stata abbandonata dallo Stato".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali