FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Senato, ok al ddl povertà: è legge | Poletti: "Si compie un passo storico"

Tra le misure introdotte anche il cosiddetto "reddito di inclusione"

Via libera dall'Aula del Senato al ddl sul contrasto alla povertà, che è stato approvato con 138 sì, 71 no e 21 astenuti. Avendo già incassato l'ok della Camera, il provvedimento diventa quindi legge. Prevede anche l'introduzione del cosiddetto reddito di inclusione destinato ai nuclei familiari che avranno i requisiti previsti dalla normativa. "Un passo avanti per venire incontro alle famiglie in difficoltà", ha twittato il premier Paolo Gentiloni.

"Si compie oggi un passo storico", ha commentato il ministro del Lavoro e della Politiche sociali, Giuliano Poletti. "Per la prima volta il nostro Paese si dota di uno strumento nazionale e strutturale di contrasto alla povertà - il reddito di inclusione (REI) - che ci consente di introdurre progressivamente una misura universale fondata sull'esistenza di una condizione di bisogno economico e non più sull'appartenenza a particolari categorie (anziani, disoccupati, disabili, genitori soli, ecc.)". Poletti ha spiegato che le risorse stanziate sono di 2 miliardi di euro per il 2017 e altrettanti per il 2018, con i quali si potranno aiutare circa 2 milioni di persone.

Che cosa prevede la legge - L'articolo unico del disegno di legge per il contrasto alla povertà, approvato a luglio dalla Camera e ora dal Senato, è collegato alla manovra finanziaria e delega il Governo ad adottare, entro sei mesi, più decreti legislativi: 1) per introdurre una misura di contrasto della povertà assoluta, denominata "reddito di inclusione" (o REI); 2) per riordinare le prestazioni di natura assistenziale; 3) per rafforzare e coordinare gli interventi dei servizi sociali garantendo in tutto il territorio nazionale i livelli essenziali delle prestazioni.

I principi e criteri direttivi della delega stabiliscono che il "reddito di inclusione" deve essere una misura unica a livello nazionale, di carattere universale, subordinata alla prova dei mezzi e all'adesione a un progetto personalizzato di inclusione, articolata in un beneficio economico e in una componente di servizi alla persona. Per beneficiare della misura sarà previsto un requisito di durata minima di residenza nel territorio nazionale. E' previsto un graduale incremento del beneficio e dell'estensione dei beneficiari, da individuare prioritariamente tra i nuclei famigliari con figli minori o con disabilità grave, donne in stato di gravidanza, disoccupati di età superiore a 55 anni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali