FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Regionali in Sardegna, urne aperte fino alle 22: alle 19 affluenza 43,78% | Sfida a 3 tra centrosinistra, centrodestra e M5s

Lo scrutinio delle schede è fissato per lunedì, a partire dalle 7. Tra le novità la possibilità di votare con la doppia preferenza di genere

Urne aperte fino alle 22 per il rinnovo del presidente e del Consiglio regionale della Sardegna. I cittadini si confronteranno con una novità: potranno esprimere sino a due voti di preferenza per i candidati consiglieri nelle liste circoscrizionali. Sette gli sfidanti per la presidenza della Regione: Massimo Zedda (centrosinistra), Christian Solinas (centrodestra), Francesco Desogus (M5s), Mauro Pili (Sardi liberi), Andrea Murgia (Autodeterminatzione), Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi), Vindice Lecis (Sinistra sarda). Anche per questa nuova tornata elettorale, come avvenuto in Abruzzo, si preannuncia una sfida a tre tra i due poli e l'incognita Movimento 5 stelle. Alle 19 l'affluenza alle urne si è attestata al 43,78%.

Regionali in Sardegna: ecco i candidati alla presidenza

L'affluenza alle 19 - Alle 19 l'affluenza è stata del 43,78%. La provincia con l'affluenza più alta è quella di Cagliari, dove ha votato il 45,25% degli aventi diritto.

Le due preferenze di genere - Se gli elettori decideranno di approfittare della possibilità di esprimere due preferenze - come concesso nella legge elettorale regionale - i due voti dovranno essere collegati a due candidati consiglieri di genere diverso della stessa lista. Nell'unica scheda elettorale di colore verde che gli verrà consegnata assieme alla matita copiativa, i cittadini potranno esprimere il proprio voto anche per uno dei candidati alla carica di governatore, per le 24 liste ammesse e per i circa 1.440 aspiranti consiglieri per un totale di 60 posti nell'Assemblea sarda.

Il "voto disgiunto" - Non necessariamente, i candidati consiglieri per i quali si sceglie di votare dovranno appartenere a liste collegate a quella del presidente prescelto. L'elettore, dunque, può praticare il cosiddetto "voto disgiunto". Per votare occorre presentarsi al proprio seggio muniti della tessera elettorale e di un documento di riconoscimento.

Lo scrutinio è fissato per lunedì 25 - Qualora la tessera sia stata smarrita o si sia deteriorata, si può chiedere il duplicato o l'attestato sostitutivo rivolgendosi, anche nello stesso giorno di votazione, all'Ufficio elettorale del Comune di iscrizione nelle liste elettorali. Espresso il voto, la scheda deve essere ripiegata e consegnata assieme alla matita. A quel punto il presidente del seggio accerta che la scheda restituita sia piegata nel modo giusto e la deposita nell'urna. Lo scrutinio delle schede è fissato per lunedì 25, a partire dalle 7.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali