FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Premierato, ok commissione Senato a emendamento su elezione diretta

Il testo riscrive l'articolo 92 della Costituzione italiana che ora disciplina la formazione del governo secondo la formula: "Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri"

La commissione Affari costituzionali del Senato ha dato il via libera all'emendamento del governo al ddl sul premierato, che fissa il principio dell'elezione diretta del presidente del Consiglio.

L'emendamento riscrive l'articolo 92 della Costituzione: rispetto alla formulazione originaria uscita dal Consiglio dei ministri elimina il premio di maggioranza al 55%, introduce il limite dei due mandati per il premier e il potere di revoca dei ministri.

Premierato, ok commissione Senato a emendamento su elezione diretta - foto 1
Tgcom24

Premierato, Malan: grazie a FdI sovranità torna nelle mani degli italiani 

 "Voto storico in Commissione Affari Costituzionali. Come aveva promesso Fratelli d'Italia in campagna elettorale, niente più presidenti del Consiglio scelti attraverso giochi di palazzo e ribaltoni. Dovranno essere gli italiani a decidere da chi essere governati. La sovranità ritorna nelle mani del popolo e non in quelle delle agenzie di rating o di oscure operazioni dietro le quinte". Così commenta su X il presidente dei senatori di FdI, Lucio Malan, il via libera in Commissione Affari Costituzionali in Senato all'emendamento del governo in tema di riforma costituzionale.

 

 

Premierato, Pd: non risolve e riduce tutto alla scelta del capo

 Con la riforma del premierato "tutto verrà irrigidito e tutto si esaurirà al momento del voto". Lo ha detto il senatore del Pd Andrea Giorgis parlando in commissione Affari Costituzionali nell'ambito del voto sul premierato. "Questa riforma è dannosa per l'intero Paese, non risolve nessuno dei problemi che dice di voler risolvere, non garantirà stabilità, non garantirà governabilità, l'unico effetto sarà quello di ridurre la partecipazione democratica alla scelta del capo". "Arriviamo - ha detto in un altro passaggio - al compimento di quella concentrazione e verticalizzazione del potere che non si immaginava nemmeno fino a qualche anno fa". "Durante tutti i lavori della commissione abbiamo spiegato perché questa riforma non funziona - ha proseguito Giorgis - abbiamo fatto delle proposte concrete ma abbiamo ricevuto solo silenzio. Fino ad oggi il dialogo è stato tra sordi anche se noi ce l'abbiamo messa tutta e continueremo a farlo".

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali