FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

M5s, polizia individua lʼautore dellʼattacco alla piattaforma Rousseau

Perquisita lʼabitazione di un 26enne, accusato di accesso abusivo a sistema informatico: "Volevo testare la vulnerabilità"

M5s, polizia  individua l'autore dell'attacco alla piattaforma Rousseau

La polizia ha individuato il responsabile dell'attacco hacker della scorsa estate alla piattaforma Rousseau, il sistema per le votazioni online e le attività politiche del Movimento Cinquestelle. Si tratta di un 26enne veneto, a cui sono risaliti gli uomini della polizia postale di Milano e del Cnaipic, il Centro nazionale contro i crimini informatici. L'uomo è accusato di accesso abusivo a sistema informatico.

Gli uomini della polizia postale hanno perquisito l'abitazione dell'hacker 26enne, presentando un decreto di ispezione informatica emesso dalla procura di Milano, anche con l'obiettivo di accertare se vi siano altre responsabilità nelle intrusioni informatiche che sono state realizzate.

Hacker: "Volevo testare vulnerabilità del sistema" - "L'ho fatto per testare la vulnerabilità, non avevo fini o motivazioni politiche". E' quanto avrebbe detto, in sostanza, agli investigatori l'hacker padovano indagato dalla Procura di Milano per l'attacco informatico alla piattaforma Rousseau. E' uno studente universitario di matematica e come hacker si firmava "Evariste Galois".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali