FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Jim Carrey critica Mussolini su Twitter: "Ecco cosa fa il fascismo" | La nipote Alessandra: "Sei un bastardo"

La lite social è partita da una vignetta postata dallʼattore americano raffigurante il Duce e Claretta Petacci appesi alla tettoia di piazzale Loreto a Milano

Jim Carrey critica Mussolini su Twitter: "Ecco cosa fa il fascismo" | La nipote Alessandra: "Sei un bastardo"

Lite su Twitter tra l'attore americano Jim Carrey e la politica italiana Alessandra Mussolini. Tutto è partito da un post pubblicato da Carrey Carrey con un disegno di Benito Mussolini e Claretta Petacci appesi alla tettoia di piazzale Loreto a Milano. A corredo il commento: "Se ti stai domandando a cosa porti il fascismo, chiedi a Benito Mussolini e alla sua amante Claretta". Piccata la risposta della nipote del Duce: "Sei un bastardo".

Numerosi i commenti alla vignetta postata da Jim Carrey, così come le risposte alla replica della Mussolini. Tra questi spicca il notista politico Evan O'Connell, che al "bastard" della Mussolini ha commentato: "Credo che tu confonda Carrey con quell'assassino di tuo nonno". Nella discussione social è intervenuto anche il cuoco televisivo Chef Rubio, che ha definito il popolare attore "un eroe!". E c'è persino chi ha proposto di aprire la votazione per "avere Jim Carrey presidente della Repubblica".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali