FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Governo, ultima possibilità per M5s e Lega | Di Maio rilancia: ok a Savona, ma non al Mef | Salvini cauto: idea strana

Il Quirinale fa sapere che "valuta con attenzione" la proposta dei grillini. Senza un accordo politico la palla torna a Cottarelli

Lo spiraglio per un possibile accordo politico in grado di far partire il governo del cambiamento arriva da Luigi di Maio: tenere l'economista della "discordia" Paolo Savona nella squadra, ma in un ruolo diverso da quello di responsabile del Mef. E' l'ultimo estremo tentativo che il Quirinale fa sapere di valutare "con grande attenzione". Ma al via libera manca l'ok di Matteo Salvini, che definisce l'idea "strana" e spiega: "Ne parleremo con Savona".


La proposta di Di Maio - L'ennesima giornata di crisi ruota tutta intorno al Colle. Il Capo dello Stato incontra nel pomeriggio il capo politico del M5s, che da martedì continua a ripetere: "Governo politico o urne". "La battaglia non è con il Quirinale", si affretta a precisare Di Maio che domenica era arrivato a minacciare il presidente di impeachment per aver bloccato la partenza dell'esecutivo giallo-verde per l'insistenza dei due leader sulla presenza dell'euroscettico Savona. Poi la proposta: "Troviamo una persona della stessa caratura dell'eccellente professor Savona: lui resta nella squadra di governo, ma in un'altra posizione".

La replica di Salvini - Il cerino passa così nelle mani del leader della Lega. Salvini dice di voler riflettere sulla proposta, ma comunque avverte: "Se mi tirano via anche un solo uomo di quella squadra, il governo non ha senso che esista". Poi definisce "strana questa richiesta di spostamenti da un giorno all'altro, perché un ministro dell'Economia non sta simpatico alla Merkel o ai tedeschi. Valutiamo quanto possa essere utile agli italiani questo tipo di ragionamento e di spostamento parlandone ovviamente con il professor Savona, cosa che educazione vuole".

Cottarelli in stand by - In attesa dell'esito dell'ennesima trattativa per la rinascita di un governo politico, intanto, resta l'opzione del governo Cottarelli. La lista dei ministri è pronta e lui è in stand by per non "forzare sui tempi per un eventuale esecutivo politico". Di fatto per un governo "neutrale" però non ci sono i numeri per ottenere la fiducia alle Camere: l'unica via d'uscita poteva essere l'accordo politico di maggioranza a non esprimersi, con la disponibilità di volontari a votare a favore. L'ipotesi però si infrange contro la realtà, con i pentastellati che confermano il no alla fiducia, portandosi dietro anche Lega e Fratelli d'Italia.

Frena lo spread, la Borsa rimbalza - Dopo due giornate nere, le notizie da Roma spingono Piazza Affari, che riprende fiato e chiude in rialzo del 2%, grazie soprattutto ai recuperi dei titoli bancari, con investitori a caccia di saldi. L'altalena tocca anche lo spread tra i Btp e i Bund tedeschi, che si raffredda e chiude a 247 punti base, in calo di mezzo punto percentuale dai 290 della chiusura ieri, quando era volato fino a 313 punti, ai massimi dal 2012. Ma i dubbi sulla capacità dell'Italia di ripagare il suo debito si riflettono sul mercato primario e l'asta di Btp a 5 e 10 anni vede un netto rialzo, col rendimento medio del decennale che vola al 3% (il livello più alto da maggio del 2014) dal 1,70% del collocamento di aprile.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali