FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Governo, Maurizio Landini attacca i vicepremier: "Non hanno mai lavorato"

"Si occupano di povertà senza mai essere stati poveri", ha continuato il neo segretario della Cgil, sostenendo: "Siamo noi il cambiamento"

Governo, Maurizio Landini attacca i vicepremier: "Non hanno mai lavorato"

Il nuovo segretario generale della Cgil Maurizio Landini attacca Matteo Salvini e Luigi Di Maio spiegando che il loro problema è "che non hanno mai lavorato". E sottolinea: "Abbiamo due vicepremier che si occupano di povertà e di lavoro senza mai essere stati poveri e senza mai aver lavorato". Al nuovo leader sindacale Dario Vergassola aveva chiesto se, tra tutte le divise indossate da Salvini, volesse vedere una tuta blu.

"Questa Cgil ha un'altra idea di società rispetto al governo, noi vogliamo cambiare il Paese, noi siamo il sindacato del cambiamento, non Salvini, la Lega che ci sta portando indietro", ha attaccato il nuovo leader, spiegando: "Noi puntiamo sull'unità sindacale, sull'unità del mondo del lavoro e a cambiare le leggi sui diritti sbagliati, fatte dai governi precedenti e vogliamo affermare di nuovo la centralità e la dignità del lavoro. Il problema centrale del nostro Paese è la precarietà nel lavoro e il problema deve essere quello di dare ai giovani un futuro serio che non sia quello attuale".

"Cosa critichiamo di questo governo? Mancano gli investimenti e stanno agendo sulle paure delle persone - ha detto - ci hanno fatto credere che saremo invasi, ma non si capisce da chi. Noi non siamo un Paese invaso, semmai siamo un Paese di evasori che è leggermente diverso. La manifestazione del 9 febbraio con Cisl e Uil sarà una manifestazione importantissima che chiede che il mondo del lavoro debba essere al centro dell'attenzione dell'esecutivo".

Il neo segretario della Cgil ha poi concluso: "Noi abbiamo chiesto la costituzione di un'agenzia per lo sviluppo per il lavoro perché pensiamo che gli investimenti pubblici siano un punto decisivo su cui rilanciare l'economia. E chiediamo una riforma fiscale vera, non la flat tax. Una riforma che faccia pagare meno tasse ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, che combatta l'evasione e la corruzione".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali