FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Europee, proiezioni: sale la Lega, è il primo partito italiano allʼEurocamera

Il Carroccio secondo solo alla Csu/Cdu, il M5s perde un seggio

Europee, proiezioni: sale la Lega, è il primo partito italiano all'Eurocamera

La Lega, secondo la nuova proiezione del Parlamento Ue sulle prossime votazioni, si conferma primo partito italiano con più eletti alla futura Eurocamera con 28 seggi (6 nelle scorse europee), secondo dopo la Csu/Cdu (34). Il M5s perde un seggio rispetto alle rilevazione di febbraio e si attesta a 21 (14 i seggi nel voto del 2014). Il Pd si attesta a 14 (26 nel 2014) e Forza Italia passa da 8 a 9 seggi.

Avanzano i sovranisti - Secondo quanto emerge dalle proiezioni, che confermano quelle del 18 febbraio, i Popolari e i Socialisti perdono la maggioranza assoluta all'Eurocamera che avevano ottenuto nel 2014. Altro dato è l'avanzata dei sovranisti (rispetto all'attuale composizione del Pe), grazie alla buona performance della Lega in Italia e del partito di Marine Le Pen che otterrebbe 19 seggi. Il Rassemblement national sarebbe secondo dopo la formazione politica del presidente Emmanuel Macron, La Republique en Marche, che avrebbe 24 seggi. Il movimento di Macron ancora non ha sciolto la riserva e potrebbe confluire nei Liberali Alde che ottengono un buon risultato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali