FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dignità, Boccia: "Decreto antitetico al contratto" | Di Maio: "Non ha letto bene"

Il presidente di Confindustria, dal Giffoni Film Festival, interviene sullʼatto normativo del governo auspicando un "miglioramento" del testo. Il vicepremier replica: "Lʼopinione che conta è dei cittadini"

"Senza alcuna polemica dico che è antitetico al contratto di programma che verte su reddito di cittadinanza e flat tax". Così Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, dal Giffoni Film Festival, sul decreto Dignità. Negativo quindi il parere di Boccia sul testo dell'atto normativo del governo in tema di lavoro. Luigi Di Maio, ministro dello Sviluppo Economico, ribatte: "Forse non lo ha letto bene. Di sicuro non abbiamo bisogno di lui per interpretarlo".

"Noi - spiega il presidente di Confindustria intervistato da Paolo Liguori, direttore di Tgcom24 - vorremmo contribuire con le nostre spiegazioni economiche a raggiungere gli obiettivi politici del governo del Paese e abbiamo segnalato alcuni miglioramenti che eviterebbero di creare ansia nel mondo delle imprese e aiuterebbero a raggiungere quei fini che si pone il decreto. Si è aperto un confronto serrato, spero che nessuno si offenda, bisogna abituarsi alle critiche. Confidiamo che il Parlamento possa sicuramente migliorare il decreto".

Di Maio risponde - Immediata la replica di Di Maio via Facebook: "Per noi l'unica opinione che conta è quella dei cittadini e, da quello che mi dicono tutte le persone che incontro, del decreto Dignità c'era bisogno come il pane. Gli italiani premiano la coerenza: la lotta al precariato, all'azzardopatia, alle delocalizzazioni selvagge e alla burocrazia sono punti fondanti del nostro contratto di governo".

Nel post sul social network, il capo politico del Movimento 5 stelle a supporto della sua tesi riprende infatti un recente sondaggio pubblicato sul Corriere della Sera, incentrato sui contenuti del decreto: "Tre italiani su quattro esprimono un giudizio positivo sulla stretta alle imprese che delocalizzano dopo aver ricevuto agevolazioni dallo Stato (75%), nonché sull'introduzione di limiti alla pubblicità per le aziende del gioco d'azzardo (74%), e una quota analoga (71%) concorda con l’aumento degli indennizzi ai lavoratori nei casi di licenziamento senza giusta causa e la restituzione proporzionale di eventuali aiuti statali per chi licenzia (71%)."

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali