FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dalai Lama cittadino di Milano: dura la reazione cinese La guida buddhista: "Eʼorganizzata dallʼambasciata"

Prima lʼincontro con il sindaco Sala e con lʼarcivescovo Scola, poi la premiazione. Scontri davanti agli Arcimboldi, ma nessun ferito

Dalai Lama cittadino di Milano: dura la reazione cinese La guida buddhista: "E'organizzata dall'ambasciata"

Tenzin Gyatso, meglio conosciuto come il Dalai Lama, è atterrato a Milano verso le 8.30, accolto dal sindaco, Giuseppe Sala. Poco dopo le 10, è arrivato all’Arcivescovado di Milano, dove ha incontrato il cardinale Angelo Scola e monsignor Luca Bressan - vicario episcopale per il dialogo interreligioso. Poi è stato premiato, divenentando ufficilamente "cittadino onorario della città di Milano".

Attimi di tensione durante la visita del leader buddhista: all'esterno del teatro Arcimboldi è avvenuto un breve scontro tra sostenitori del "Tibet Libero" e quelli della Repubblica Popolare Cinese. L'incidente ha richiesto l'intervento della polizia, ma non ha causato feriti. Tutto è accaduto quando un gruppo di attivisti della causa tibetana è giunto in prossimità del Teatro, passando davanti al luogo dove erano riuniti un centinaio di cittadini cinesi, riuniti per protestare contro la premiazione.

Ironia da parte del Dalai Lama: "Sono proteste organizzate dall'ambasciata cinese. Io scherzo su questa contraddizione interna al partito comunista, che non ha fede in niente ed è tanto preoccupato della reincarnazione del Dalai Lama. Se siete tanto preoccupati per la reincarnazione del Dalai Lama, dovreste prima accettare il sistema della reincarnazione e poi pensare alla prossima reincarnazione di Mao Tse Tung e Den Xiaoping".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali