FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Conte annuncia: "Sbloccati col Cipe 28 miliardi per infrastrutture" | Dopo 30 anni riparte la Asti-Cuneo

Via libera anche al completamento della Ragusa-Catania. Lega e M5s si "contendono" la vittoria

Conte annuncia: "Sbloccati col Cipe 28 miliardi per infrastrutture" | Dopo 30 anni riparte la Asti-Cuneo

"Oggi nella riunione del Cipe siamo riusciti a sbloccare diverse opere fondamentali per lo sviluppo del Paese, liberando 28 miliardi di euro per nuovi investimenti infrastrutturali e soprattutto per la manutenzione delle nostre strade e ferrovie, con grande attenzione al Sud". Lo annuncia su Facebook il premier Giuseppe Conte. "Stiamo facendo il massimo per accelerare l'avvio di quanti più cantieri possibili", aggiunge.

Ripartono i lavori per completare l'Asti-Cuneo - "Come promesso ripartono i lavori per il completamento dell'autostrada Asti-Cuneo. Stiamo parlando di un'opera la cui concessione risale a trent'anni fa". Dice ancora Conte dopo il Cipe. "Abbiamo mantenuto le promesse e dimostrato la volontà di voler sbloccare e completare l'opera", dice Paolo Romano, parlamentare del Movimento 5 Stelle. Sono nove i chilometri mancanti. "Un'opera sciagurata, come ha detto il Ministro Toninelli, una strada che rimane monca all'interno dell'area del cuneese. Il nostro Governo è riuscito in quello che gli altri hanno solo rimandato", continua la deputata pentastellata Fabiana Dadone. Ma del completamento dell'opera si "intesta" la vittoria anche la Lega: "Il via libera di oggi è una grande vittoria della Lega e del territorio, conquistata dopo oltre dieci anni di attese e rinvii: i lavori sono pronti a partire", dice il vicepremier Matteo Salvini. "Confidiamo - aggiunge il capogruppo alla Camera della Lega Riccardo Molinari - che i cantieri vengano avviati nel più breve tempo possibile per dare quella risposta di viabilità, necessaria per fare uscire dall'isolamento la provincia Granda, alle imprese, al tessuto economico delle vallate del cuneese e dell'astigiano e ai residenti".

Ripartono anche i cantieri della Ragusa-Catania - "Un'altra infrastruttura strategica, attesa da molti anni, è il collegamento viario tra Ragusa e Catania: anche in questo caso, grazie all'impegno del Mit e di Anas, abbiamo fatto un grande passo in avanti che ci porterà a inizio settembre, a cronoprogramma e aspetti finanziari", ha detto il premier Conte. "Un'altra buona notizia è l'accordo per superare il contenzioso tra Anas e Cmc che consentira' di riprendere i lavori della strada statale 640 Agrigento-Caltanissetta", prosegue. "Abbiamo trovato una soluzione anche per accelerare i lavori dell'alta velocità Verona-Vicenza. Si tratta di opere che si aggiungono alle tante altre sbloccate in questi giorni, da Nord a Sud", dice ancora Conte dopo il Cipe.

A breve nomina commissari straordinari per opere - "Non ci fermiamo. A breve firmerò, come previsto dal decreto 'Sblocca-cantieri', i primi decreti per la nomina dei commissari straordinari delle grandi opere infrastrutturali che si trovano tuttora in una fase di stallo. Infine, stiamo procedendo per rendere operativa il prima possibile la struttura di missione 'InvestItalia', attraverso cui affiancheremo alle pubbliche amministrazioni un pool di esperti e tecnici al fine di velocizzare ancora di più lo sblocco dei cantieri e ottimizzare l'utilizzo delle tante risorse a disposizione per gli investimenti", conclude Conte.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali