FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Chiamata diretta nelle scuole, la Giannini: "Eʼ grave se i presidi discriminano le donne"

Secondo i sindacati degli insegnanti ci sono stati casi di abuso durante i colloqui per lʼassunzione. Il ministro: "Abbiamo gli strumenti per censurare le storture"

Chiamata diretta nelle scuole, la Giannini: "E' grave se i presidi discriminano le donne"

I presidi non discriminino le donne nei colloqui per la chiamata diretta, in particolare con domande su figli o gravidanze. Interviene duramente il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini per bloccare subito i primi "casi di discriminazione e umiliazione" segnalati dai sindacati in quella che è una delle novità dell'anno: l'individuazione da parte dei dirigenti scolastici dei docenti per competenze come previsto dalla Buona Scuola.

Il ministro chiede approfondimenti - "Se qualche dirigente ha davvero chiesto alle docenti informazioni sui figli e su possibili aspettative in caso di gravidanze è grave", ha detto il ministro. "Non è questo lo spirito dell'individuazione per competenze degli insegnanti voluta dalla legge 107. Ho chiesto un approfondimento agli Uffici Scolastici Regionali e invito le insegnanti a segnalare questi casi agli Uffici. Ora - ha aggiunto - abbiamo tutti gli strumenti per censurare le storture, grazie anche al nuovo sistema di valutazione dei dirigenti scolastici approvato a giugno".

Le segnalazioni arrivate dai sindacati - Le segnalazioni di colloqui non appropriati, in particolare nelle Marche, è venuta dai sindacati: "Siamo alla preistoria dei diritti essenziali della persona: la denuncia parte dalle Marche, nelle scuole i presidi pretendono 'garanzie' anacronistiche. Maternità e figli piccoli sono fattori discriminanti", ha affermato il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi.

"Dare poteri discrezionali ad una sola persona, senza prevedere validi contrappesi, è un errore che va subito corretto, la contrattazione è lo strumento giusto e il rinnovo del contratto può essere la sede per farlo. Se ne convincano i 'falchi' che hanno determinato la rottura del dialogo che - ha concluso Turi - va subito ripreso".

"Numerosi casi di discriminazioni" - "Com'era prevedibile - ha rilanciato Domenico Pantaleo, segretario generale Flc Cgil - la chiamata diretta dei docenti dagli ambiti alle scuole sta determinando numerosi casi di discriminazioni e umiliazione, in particolare nelle donne. La chiamata diretta non solo calpesta la costituzione perché cancella la libertà di insegnamento, ma anche perché mette in discussione diritti sociali e civili fondamentali. Il Parlamento intervenga immediatamente per evitare che le scuole si trasformino in aziende, con un mercato senza regole, eliminando libertà e democrazia".

Cos'è la "chiamata diretta" - La "chiamata diretta" è una delle novità dell'anno scolastico 2016/17: per la prima volta gli insegnanti non verranno più assegnati alle istituzioni scolastiche attraverso meccanismi legati a punteggi e anzianità, ma con un sistema che consentirà alle scuole di individuare fra i docenti presenti nel loro ambito territoriale quelli che più corrispondono, per profilo, alle necessità dell'offerta formativa.

La novità del video-curriculum - Uno dei passaggi della nuova procedura è il caricamento del curriculum da parte degli insegnanti nel sistema Miur, affinché possa essere visionato dai dirigenti scolastici che devono individuare i docenti per la copertura dei posti vacanti. Gli insegnanti di infanzia e primaria hanno potuto inserire (oltre 20 mila pari al 92% della platea interessata) il curriculum dal 29 luglio fino al 4 agosto. Dal 6 fino al 9 agosto è stato il turno degli insegnanti delle medie (circa 11 mila, pari al 93%), mentre i prof delle secondarie di II grado potranno iniziare a caricare i propri curricula dal 18 agosto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali