FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caos procure, Palamara: "Le correnti? Usate per fare carriera, ecco chi ne ha approfittato" | Anm: basta mistificazioni

Lʼex pm di Roma: "Il clientelismo allʼinterno della magistratura non è certo un problema che ho inventato io. Limitarlo solo a me o a un gruppo associativo significa ignorare la realtà dei fatti"

Luca Palamara

"Palamara non si è svegliato una mattina e ha inventato il sistema delle correnti. Ma ha agito e ha operato facendo accordi per trovare un equilibrio e gestire il potere interno alla magistratura". Lo afferma l'ex pm di Roma, espulso dall'Anm, sotto inchiesta a Perugia per corruzione . "La Costituzione ha voluto che la magistratura fosse autonoma e indipendente. Per esercitare questo potere i magistrati hanno scelto di organizzarsi in correnti".

"Tanto paga per tutto Palamara", aggiunge polemico a Repubblica l'ex pm di Roma, cacciato dall'Anm, di cui è stato presidente, sotto inchiesta a Perugia per corruzione. "Io mi assumo le mie responsabilità. Ma non posso assumermi quelle di tutti". Nella sua memoria ha scritto: "Non ho agito da solo". Chi erano gli altri?

 

"Questo ormai non lo dico solo io, ma anche molti autorevoli commentatori come la presidente del Senato Elisabetta Casellati e magistrati di sinistra come Livio Pepino. Riferiscono che il clientelismo all'interno della magistratura non è certo un problema che ho inventato io. Limitarlo solo a me o a un gruppo associativo significa ignorare la realtà dei fatti, o peggio ancora mentire". Inoltre "io sono andato lì per parlare di fronte a chi mi stava giudicando".

 

Palamara poi si toglie qualche sassolino dalla scarpa e fa i nomi di chi, a suo dire, avrebbe appunto approfittato del sistema delle correnti per fare carriera. "Su cinque componenti, tre li conosco assai bene. Sono stati noti esponenti di altrettante correnti. Tra l’altro, il presidente Di Marco, dalle carte di Perugia, è risultato essere il difensore disciplinare di Giancarlo Longo, il magistrato che, secondo le originarie accuse rivoltemi da Perugia, ma poi cadute, io avrei favorito per la procura di Gela".

 

"Poi c’è Gimmi Amato, che nel 2016 venne nominato procuratore di Bologna secondo i meccanismi di cui tanto si parla oggi. Fermo restando il suo indiscusso valore". "E ancora Viazzi, storico esponente di Md, che ho sempre stimato ma che poi sacrificai per la nomina di presidente della Corte di appello di Genova, a vantaggio dell’alleanza con Magistratura indipendente, che portò a preferire al suo posto la collega Bonavia". Questi tre magistrati "sono per primi i beneficiari del sistema di cui solo io oggi sono ritenuto colpevole". "I rapporti di frequentazione tra magistrati e politici non li ho certo inventati io", conclude Palamara.

 

La replica dell'Anm: "Cerca di ingannare l'opinione pubblica" "Quando  dice che non ha avuto spazio per difendersi, Palamara mente" e "cerca ora di ingannare l'opinione pubblica con una mistificazione dei fatti". Così la giunta dell'Associazione nazionale magistrati replica a Palamara. E aggiunge: "Le regole si rispettano anche quando non fanno comodo". Una risposta dai toni durissimi. "Un Giudice dovrebbe essere in grado di leggere lo Statuto di una associazione. Ancora di più quando ne è stato Presidente. Il dott. Palamara non è stato sentito dal CDC semplicemente perché lo Statuto non lo prevede. Non vi sono altre ragioni", sottolinea la nota. Palamara "cerca ora di ingannare l'opinione pubblica con una mistificazione dei fatti: la contestazione riguardava gli incontri notturni all'hotel Champagne e l'interferenza illecita nell'attività consiliare, fatti purtroppo veri, e per questo sanzionati".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali