FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Antonio Tajani a Quarta Repubblica: "Manovra assistenzialista e ingiusta"

Ospite di Nicola Porro su Rete 4, il vicepresidente di Forza Italia attacca il reddito di cittadinanza: "Al poliziotto che rischia la vita 1200 euro al mese, a chi sta sul divano a casa e guarda la tv 780 euro"

Non usa mezzi termini Antonio Tajani nel commentare la nuova Manovra: "Il reddito di cittadinanza è un'assurdità perché chi lavora deve pagare chi non lavora"  Dal salotto di "Quarta Repubblica" - la nuova trasmissione di Rete 4, condotta da Nicola Porro - Tajani punta il dito soprattutto sul reddito: "Mi pare vergognoso che un poliziotto, un carabiniere o un finanziere che rischiano la pelle tutti i giorni e guadagnano 1200 euro al mese mentre chi sta seduto a casa a vedere la televisione ne guadagni 780".

Il commento di Tajani non si ferma, però, solo alle cifre, in quanto secondo il presidente del Parlamento Europeo non sarebbero solo gli italiani a poter usufruire del nuovo servizio: "In Italia ci sono cinque milioni di poveri, un milione e sei sono stranieri e molti di questi sono comunitari - commenta il vicepresidente di Forza Italia - Questi, per il trattato internazionale, hanno gli stessi diritti dei cittadini italiani, quindi anche loro avranno diritto al reddito di cittadinanza".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali