FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Abusi su studentesse, Fedeli: "Chi se ne approfitta non è degno di fare il prof"

Con una nuova norma nel contratto di lavoro il ministro dellʼIstruzione sancisce pene più severe, come il licenziamento o la sospensione della retribuzione, dopo i due casi a Roma e lʼepisodio di Treviso

Abusi su studentesse, Fedeli: "Chi se ne approfitta non è degno di fare il prof"

Il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, è perentorio: chi commette abusi sulle proprie studentesse "non è degno di fare il professore". Per questo, dopo gli ultimi casi di cronaca (due episodi a Roma, uno a Treviso), ha deciso di intervenire con una norma nel contratto di lavoro che inasprisce le pene per chi ha atteggiamenti impropri. Gli insegnanti ora rischiano il licenziamento, anche senza preavviso, una multa o la sospensione dal servizio con la privazione della retribuzione.

Perché, come spiega al Messaggero, "se approfitti di un rapporto asimmetrico, nel quale tu docente sei in una ovvia posizione di vantaggio rispetto a una minorenne, significa che non sei degno di fare il professore. Non sei più idoneo per quel lavoro". "Bisogna che gli insegnanti recuperino l'autorevolezza, che hanno perso", spiega il ministro.

C'è quindi la necessità di consapevolezza, da parte degli studenti e delle famiglie che devono denunciare sempre, e di responsabilità da parte del corpo docente. Sia ben chiaro: "Infrangere con leggerezza la deontologia  avrà un costo alto perché alto è il costo dei casi denunciati dalle studentesse".

La Costituzione sancisce la libertà della didattica, l'uso dei social sarà permesso ma solo ai fini didattici. Un altro punto che la Fedeli ha poi tenuto a sottolineare è che in questa storia le studentesse sono solo le vittime: "Non si provi perciò a colpevolizzarle, la responsabilità è sempre degli adulti".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali