FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

25 Aprile, Mattarella apre le celebrazioni: "Resistenza come Risorgimento, erano patrioti"

Da Fico alla Casellati i leader politici commemorano lʼanniversario della Liberazione dal nazifascismo. La Festa però è iniziata con la polemica: la Comunità ebraica grande assente al corteo Anpi

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha aperto le celebrazioni del 25 Aprile all'Altare della Patria a Roma. Con lui anche il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, i presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico e Maria Alberti Casellati, e il ministro della Difesa, Roberta Pinotti. Anniversario per la Liberazione d'Italia dal nazifascimo, però, aperto con la polemica: al corteo organizzato dall'Anpi infatti manca la Comunità ebraica.

25 aprile, Mattarella apre le celebrazioni allʼAltare della Patria

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, i presidenti di Senato e Camera, Maria Elisabetta Alberti Casellati e Roberto Fico e il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, giunti all'Altare della Patria per le celebrazioni del 25 aprile, giorno della liberazione dal nazifascismo.

leggi tutto

Mattarella: "Resistenza come Risorgimento" - "Non era, quella fascista, la Patria che aveva meritato il sacrificio eroico di tanti soldati italiani. La Patria, che rinasceva dalle ceneri della guerra, si ricollegava direttamente al Risorgimento, ai suoi ideali di libertà, umanità, civiltà e fratellanza". Lo dichiara il presidente Sergio Mattarella. "Non fu, dunque, per caso, che gli uomini della Brigata Maiella scelsero per se stessi la denominazione di patrioti. La stessa dei giovani che andavano a morire in nome dell'Unità di Italia".

Gentiloni: "Giorno del riscatto" -"Il 25 Aprile fu il giorno del riscatto dell'Italia. E' dovere di tutti ricordare chi ha combattuto per la nostra libertà contro gli orrori della dittatura. Un pensiero speciale oggi a Giorgio .Napolitano, protagonista della Repubblica. Forza Presidente!". Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.

Fico: "Resistenza pagina irrununciabile della democrazia" - "La Resistenza rappresenta un punto di riferimento irrinunciabile nella vita democratica del Paese: è in questa pagina fondamentale della nostra storia che ogni cittadino italiano può infatti ritrovare le radici della Repubblica e della Carta costituzionale". Il presidente della Camera Roberto Fico commemora così il 25 Aprile. L'Italia "deve dimostrare di aver tratto insegnamento dal suo passato".

Casellati: "25 Aprile patrimonio comune" - "Il 25 Aprile è una data che ha restituito la libertà al nostro Paese, ma è anche una giornata nella quale è giusto ricordare quanti per quella stessa libertà hanno sacrificato la loro vita, una data estremamente attuale". Lo afferma il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, in una intervista a Senato Tv. "Tutte le vicende di quella pagina fondamentale per l'Italia repubblicana - aggiunge - rappresentano un patrimonio comune della memoria da trasmettere alle nuove generazioni".

Comunità palestinese al corteo Anpi: comunità ebraica non partecipa - Al grido "Ora e sempre resistenza" e con in testa lo striscione "I partigiani" è partito il corteo organizzato dall'Anpi a Roma per il 25 Aprile. Il corteo partito da via Genocchi, alle spalle della sede della Regione Lazio, sfilerà per le strade del quartiere della Garbatella fino a Porta San Paolo. In piazza sventolano bandiere dell'associazione nazionale dei partigiani e della pace che aprono il corteo. Presente anche una delegazione della comunità palestinese di Roma e Lazio con bandiere palestinesi, kefieh e uno striscione "Gerusalemme città aperta. Pace e giustizia in Palestina". Alla manifestazione non partecipa, invece, la comunità ebraica che ha deciso di non aderire più al corteo quando la comunità palestinese ha annnciato di portare in piazza con i propri simboli.

Raggi: "Ricordiamo chi si sacrificò per la libertà" -  "Buon 25 Aprile, buona Festa della Liberazione. Oggi ricordiamo chi si sacrificò per la nostra liberta'". Lo scrive su Twitter il sindaco di Roma Virginia Raggi, che celebra la ricorrenza della Liberazione dal nazi-fascismo in varie cerimonie. Stamane ha deposto una corona all'Altare della Patria, poi si è recata al Mausoleo delle Fosse Ardeatine. Sarà presente al Museo storico della Liberazione in via Tasso, dove la Comunità ebraica romana ha deciso di celebrare il 25 Aprile, dopo la rinuncia a partecipare al corteo dell'Anpi per la presenza della Comunità palestinese. Il primo cittadino si recherà in tarda mattinata a Porta San Paolo, dove il corteo dell'Anpi terminerà.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali