FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Meglio il calcetto", protesta Lega in Aula Senato contro Poletti

Il capogruppo Gian Marco Centinaio ha anche esibito una palla di gomma blu da "consegnare al ministro del Lavoro".

"Armati" di cartelli con scritto "Poletti chieda scusa" i senatori della Lega hanno inscenato una protesta nell'Aula di Palazzo Madama contro il ministro del Lavoro che lunedì aveva detto che per trovare un impiego fosse più utile una "partita di calcetto" di un curriculum. Il capogruppo Gian Marco Centinaio ha anche esibito una palla di gomma blu da "consegnare al ministro del Lavoro".

Poletti è lo stesso ministro che aveva umiliato i giovani italiani emigrati per andare a lavorare all'estero, dicend che 'certe persone è meglio non averle tra i piedi'. Sembra proprio che non abbia voglia di restare al suo posto!", aggiunge Centinaio, che ha quindi invitato Poletti "ad andare lui a giocare a calcetto. Già me lo vedo, leggiadro, a danzare con le scarpette con i tacchetti" ed ha quindi mostrato in aula il dono che il suo gruppo ha preparato per il responsabile del dicastero di via Veneto: un piccolo pallone blu.

"Gli regaliamo un pallone, per non essere un pallone gonfiato davanti agli italiani" ha concluso, mentre altri senatori del gruppo esibivano carelli con la scritta: "Ministro, chiedi scusa!".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali