FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Zimbabwe, Mugabe espulso dal partito di governo: "Pronto a dimettersi"

Il presidente è attualmente agli arresti domiciliari sotto il controllo dei militari, appoggiati dal partito e dalla popolazione

Zimbabwe, Mugabe espulso dal partito di governo: "Pronto a dimettersi"

Il presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe, è stato espulso dal suo partito Zanu-Pf (Unione nazionale africana di Zimbabwe - Fronte patriottico) ed è stato sostituito dal vicepresidente Emmerson Mnangagwa. Dopo l'ultimatum del comitato centrale che gli chiedeva di dimettersi entro domani a mezzogiorno, pena l'impeachment, Mugabe, secondo il media internazionali, avrebbe accettato di lasciare la presidenza dello Zimbabwe.

Il Comitato centrale del partito al potere nello Zimbabwe, lo Zanu-PF, ha indicato proprio il vicepresidente Emmerson Mnangagwa, al potere per 50 anni con Robert Mugabe ma da quest'ultimo silurato nei giorni scorsi e per questo riparato all'estero, come la persona destinata a diventare il nuovo capo di stato dello strategico Paese africano.

Mugabe è attualmente agli arresti domiciliari sotto il controllo dei militari, appoggiati dal partito e dalla popolazione, che hanno chiaramente espresso il loro dissenso di fronte all'ipotesi che il nuovo capo di stato dopo Mugabe potesse essere la moglie Grace.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali