FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa, va a spargere le ceneri del marito e si perde per sei giorni nel deserto

Sajean Geer, 71 anni, ha resistito con il suo cagnolino Yoda nel Parco Nazionale di Olympic, nello Stato di Washington, mettendo in pratica quanto aveva letto nei manuali di sopravvivenza

Usa, va a spargere le ceneri del marito e si perde per sei giorni nel deserto

Una nonna con lo spirito di MacGyver. Si era recata nel Parco Nazionale di Olympic, nello Stato di Washington, per esaudire l'ultimo desiderio del marito mancato qualche mese fa: spargere le sue ceneri nel luogo che amava di più, l'Obstruction Point. Ma quella che doveva essere la gita di una giornata si è trasformata in un'avventura di sei giorni, fortunatamente a lieto fine, per la 71enne Sajean E. Geer di Port Angeles e il suo cagnolino Yoda. Solo la messa in pratica di quanto letto nei manuali di sopravvivenza ha permesso alla nonnina di tornare a casa sana e salva. Mentre scattavano le ricerche organizzate dallo sceriffo della contea di Clallam che ha diffuso appello e foto anche via social.

Disavventura a lieto fineCosì, il 18 luglio, Sajean Geer, con le ceneri del marito e il suo amato Yoda, si è diretta verso il Parco Nazionale di Olympic. Ma mentre cercava il posto più adatto per spargere le ceneri, la donna, sopraffatta dalle emozioni, si è persa. "Non riuscivo a trovare la mia auto, non riuscivo a trovare la strada e mi sono davvero disorientata", ha raccontato a Kiro TV.

La 71enne, che si descrive come un'escursionista esperta, ha aggiunto che non aveva con sé equipaggiamento per la sopravvivenza in quei luoghi inospitali e desertici. Ma non ha perso la speranza di farcela e si è ricordata di quei manuali di sopravvivenza all'aperto che aveva letto che riportavano sempre gli stessi principi: "avere un atteggiamento mentale positivo e uno spirito da combattimento".

Così ha costruito un riparo di tronchi e muschio, mangiava frutti selvatici e formiche e si recava tre volte al giorno al ruscello per fare rifornimento d'acqua. Intanto erano scattate le ricerche e solo due giorni era stata ritrovata la sua auto. Alla fine la salvezza per la nonnina è arrivata dal cielo: un elicottero dei soccorsi l'ha avvistata  il 23 luglio mentre stava per prendere l'acqua.

"Ho cominciato ad agitare le braccia, quando ho sentito il rumore dell'elicottero, per farmi vedere", ha raccontato, dopo essere stata medicata per alcuni graffi, prima di venire riaccompagnata a casa, perché trovata in buona salute.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali