FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Usa, scrittrice di "Come uccidere tuo marito" accusata di aver ucciso il suo

Lʼuomo era morto tre mesi fa: la polizia dellʼOregon ha fermato la moglie, autrice ironica di libri che giustificavano lʼomicidio del partner

Nancy Brophy, 68 anni, autrice del libro "Come uccidere tuo marito", è stata accusata dalla polizia dell'Oregon di aver ucciso il suo. Daniel Brophy, cuoco di 63 anni, era deceduto, infatti, circa tre mesi fa ed era stata proprio la moglie ad annunciare la sua morte su Facebook con un messaggio. "Per i miei amici e parenti di Facebook, - scriveva - ho notizie tristi da comunicarvi. Mio marito e il migliore amico, lo chef Dan Brophy, è stato ucciso ieri mattina". Nel saggio pubblicato nel 2011 veniva elencata una serie di motivi che potevano "giustificare", con un pizzico di ironia, l'uccisione del coniuge.

L'uomo era stato colpito da due spari risultati mortali mentre si trovava all'Oregon Culinary Institute lo scorso 2 giugno. Tre mesi dopo, le indagini hanno portato all'arresto della moglie, che oltre al già citato libro aveva scritto anche altri due saggi intitolati "Il marito sbagliato" e "L'amante sbagliato". Tutti più o meno sarcastici.

La donna aveva detto anche di pensare spesso all'omicidio, ma di non riuscire a compiere il gesto. Ora dovrà risponderne ai giudici.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali