FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa, scontri tra esponenti Ku Klux Klan e anti razzisti: 23 arresti

Motivo della protesta la rimozione della statua equestre del generale sudista (e quindi schiavista) Robert Lee. La polizia inizialmente era riuscita a tenere divise le due fazioni

Tafferugli, fumogeni e 23 arresti a Charlottesville, Virginia, dove una cinquantina di membri del Ku Klux Klan che protestavano contro la rimozione della statua equestre del generale sudista (e quindi schiavista) Robert Lee sono stati affrontati da centinaia di manifestanti al grido di "No KKK, no all'America razzista, razzisti a casa". Gli esponenti del Ku Klux Klan, provenienti dalla Carolina del nord, erano armati (lo consente la legge statale).

Virginia, scontri tra Ku Klux Klan e anti razzisti

La polizia è riuscita inizialmente a tenere divise le due fazioni ma poi c'è stato qualche scontro. Gli agenti hanno dovuto scortare gli esponenti del Kkk alle loro auto e disperdere poi i contro manifestanti con i lacrimogeni. Charlotteville è una città universitaria a maggioranza democratica.

Ad aprile il consiglio comunale aveva deciso di rimuovere la statua, una dei tanti simboli confederali che gran parte degli americani considerano razzisti, moltiplicando le procedure per toglierli o farli sparire dagli edifici pubblici. Ma chi si rifà ai suprematisti bianchi o alla Alt-right (la destra alternativa) ha trovato un motivo di mobilitazione nella difesa dei monumenti e delle bandiere della Confederazione. E dopo l'elezione di Trump si sente più incoraggiato a scendere in campo apertamente.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali