FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa, per paura del Covid resta tre mesi nell'aeroporto di Chicago

Il 36enne californiano è stato scoperto e arrestato con lʼaccusa di violazione di unʼarea riservata dello scalo e furto

Istockphoto

Un uomo californiano, Aditya Singh, 36 anni, è rimasto per tre mesi "nascosto" nell'aeroporto di Chicago, dove era approdato tre mesi fa in arrivo da Los Angeles e da cui non è voluto uscire per "paura del Covid-19", come da lui stesso raccontato alle autorità. La storia, che ricorda quella di Tom Hanks in "The Terminal", è iniziata il 19 ottobre. Ora, però, Singh è stato scoperto e arrestato con l’accusa di violazione di un’area riservata dell’aeroporto e furto.

L'arresto è avvenuto dopo che Singh, disoccupato e senza precedenti penali, è stato trovato in possesso di un badge appartenente a un dipendente dello scalo che lo aveva smarrito, riferisce il Chicago Tribune. Singh era arrivato all'O'Hare International Airport da Los Angeles lo scorso 19 ottobre, da allora ha vissuto in un'area riservata dell'areoporto, in cui è riuscito a rimanere grazie proprio al badge del dipendente, il cui smarrimento era stato segnalato lo scorso 26 ottobre. 

 

Per il cibo poi, in un aeroporto non è difficile trovarne, sebbene le attività siano in questo periodo ridotte a causa della pandemia. Inoltre, nel corso dei tre mesi altri passeggeri in transito gli hanno offerto da mangiare. 

 

Lo scorso sabato, due dipendenti della United Airlines, evidentemente insospettiti, hanno chiesto a Singh di vedere un badge identificativo. A quel punto è risultato evidente che il badge non era il suo ed è scattata la segnalazione alle autorità, quindi l'arresto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali