FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Usa, la Corte suprema voterà per abolire il diritto all'aborto | Biden: "La legge non sia ribaltata, ma spetta agli elettori difendere la scelta"

I Dem: "Mettiamo al voto una legge che codifichi il diritto all'aborto". Manifestanti, slogan e candele accese contro la decisione

Diritto all'aborto, manifestanti contro la Corte suprema Usa

Si infiamma nuovamente negli Usa la battaglia sul diritto all'aborto, con effetti politici e sociali dirompenti destinati a segnare la campagna elettorale non solo di Midterm ma anche delle prossime presidenziali nel 2024: i dem, con Joe Biden in testa, e i repubblicani sono già sulle barricate mentre montano le prime proteste di piazza.

A scatenarla uno scoop di Politico, che ha pubblicato una prima bozza delle motivazioni con cui cinque dei nove giudici della Corte suprema si apprestano a cancellare la "Roe v. Wade", la storica sentenza della stessa corte che nel 1973 sancì il diritto all'interruzione di gravidanza per tutte le donne americane, senza tuttavia che sia mai diventata una legge. Il commento e il messaggio di

Joe Biden

: "La legge sull'aborto esiste da 50 anni e non va ribaltata, spetterà agli elettori eleggere dirigenti pro scelta in novembre alle elezioni di Midterm".

Dem: mettiamo al voto una legge che codifichi il diritto all'aborto

- Il leader dei senatori dem Chuck Schumer ha annunciato che intende portare in aula e mettere al voto una legge che codifichi il diritto all'aborto sancito nel 1973 dalla sentenza della corte suprema "Roe v. Wade". "Ogni americano vedrà da quale parte sta ogni senatore", ha spiegato. 


 


L'inchiesta

- Una fuga di notizie senza precedenti che ha causato un terremoto politico e sulla quale il presidente del massimo organismo giudiziario Usa, John Roberts, ha ordinato un'inchiesta, definendola una "violazione di fiducia unica ed eclatante" e "un affronto alla corte". Pur confermando l'autenticità del documento, Roberts ha voluto precisare che esso "non rappresenta una decisione della Corte o la sua posizione finale e quella definitiva dei suoi membri sul caso". Ma l'orientamento della maggioranza dei saggi sembra chiaro e c'è già stato anche un primo voto dopo l'udienza di dicembre sul ricorso contro la legge del Mississippi che vieta l'aborto a partire dalla quindicesima settimana di gravidanza.


 


Chi è a favore dell'abolizione

- A favore della cancellazione della 'Roe v. Wade' Clarence Thomas, nominato da Bush padre, Samuel Alito, scelto da Bush figlio, e i tre candidati di Donald Trump, cioè Neil Gorsuch, Brett Kavanaugh e Amy Coney Barrett.


 


Chi è contrario -

I tre giudici insediati da presidenti democratici - Stephen Breyer, Sonia Sotomayor e Elena Kagan - stanno lavorando invece a una nota di dissenso, mentre non si sa come si schiererà Roberts (indicato da Bush figlio), ma a questo punto sarebbe ininfluente. E' l'effetto delle tre nomine fatte dal tycoon, ma anche dell'errore fatale della venerata icona liberal Ruth Ginsburg, che non dimettendosi quando Barack Obama era presidente ha consentito al suo successore di mutare radicalmente gli equilibri della Corte.


 


"Bozza incredibilmente sbagliata" 

- Nella bozza di 98 pagine, Alito stronca la Roe vs Wade scrivendo che è "incredibilmente sbagliata sin dall'inizio: la sua argomentazione è eccezionalmente debole e la decisione ha avuto conseguenze dannose". "E' tempo di ascoltare la Costituzione e restituire la questione dell'aborto ai rappresentanti eletti dal popolo", aggiunge, sostenendo che nella carta non c'è questo diritto e che il 14esimo emendamento sulla libertà personale è stato invocato in modo infondato.


 


L'aborto potrebbe diventare illegale in tutto il Paese

- Se passasse questa opinione, l'aborto diventerebbe illegale in tutto il Paese e spetterebbe ai singoli Stati decidere se consentirlo o limitarlo fortemente, come stanno facendo 26 Stati repubblicani, dal Texas all'Oklahoma. Con una situazione che sta diventando a macchia di leopardo, come per la pena di morte o l'uso delle armi, e inevitabili viaggi da uno Stato all'altro.


 


Un problema razziale -

Alito ha scritto anche che si tratta di un problema razziale, perché la maggioranza delle interruzioni di gravidanza avviene tra i neri, e quindi chi le favorisce aveva in realtà fin dal principio l'obiettivo di limitare la popolazione afroamericana. Joe Biden ha sollecitato il Congresso ad approvare una legge che codifichi il diritto all'aborto stabilito dalla Roe v. Wade appellandosi agli elettori affinché votino parlamentari pro scelta a Midterm, nella speranza che questa battaglia mobiliti l'elettorato democratico e indipendente. Il presidente ha ricordato anche gli sforzi della sua amministrazione per difendere la storica sentenza chiedendo che non sia ribaltata dopo quasi 50 anni e ammonendo che una decisione così radicale "metterebbe in discussione ogni decisione nella nostra vita privata" e "tutta una serie di diritti fondamentali".


 


La posizione dei dem -

Sulla stessa linea i vertici del suo partito, che accusano i saggi di fare carta straccia della costituzione e di aver mentito al Senato quando dissero che avrebbero rispettato la sentenza come precedente ormai consolidato. Posizione condivisa anche da alcuni repubblicani moderati.


 


La posizione dei conservatori

- I leader del Grand Old Party invece criticano l'attacco dem all'indipendenza della corte suprema ed evocano una campagna coordinata per intimidire e ostacolare i giudici. In ogni caso l'impatto della sentenza, in un senso o nell'altro, sarà epocale e rafforzerà le divisioni di un Paese da tempo fortemente polarizzato, dove sono già cominciate le prime proteste. A partire da quelle davanti alla stessa Corte suprema.


 


Manifestanti davanti alla Corte

- La fuga di notizie ha innescato proteste e diversi dimostranti si sono riuniti, nella notte, all'esterno della Corte per contestare la decisione.  Alcuni si sono seduti silenziosamente a terra davanti a una fila di candele accese. Altri si sono messi in cerchio, urlando slogan contro il pronunciamento.



TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali